La pioggia ma soprattutto il forte vento hanno creato ovunque disagi

PERUGIA – Nella morsa del vento, soprattutto, e della pioggia. Con il passare delle ore aumentano inevitabili i disagi e le difficoltà causati dalle raffiche che imperversano dalla serata di sabato.

Solo a Perugia, dalla centrale operativa dei vigili del fuoco e da quella della polizia municipale si apprende come siano una quindicina gli alberi caduti in mezzo alle strade o che vicino a case, o che hanno danneggiato cavi elettrici. Diverse zone sono rimaste al buio: le situazioni più delicate a Ferro di Cavallo, Ponte Felcino e La Bruna. In alcuni casi, paura per auto sfiorate o leggermente colpite dal crollo delle piante. Sulla base di ciò il Comune ha emesso un’allerta meteo fino alle 24 di lunedì. «Le attuali condizioni meteo e le previsioni per le prossime ore, caratterizzate soprattutto da persistenza di forti venti, evidenziano situazioni di pericolo che, in alcuni casi, hanno già determinato la caduta di rami, piante e cornicioni sulla viabilità pubblica. Poiché permangono le condizioni di allerta, almeno fino alle 24 di oggi (lunedì 29 ottobre, ndr) si consiglia l’adozione delle necessarie cautele negli spostamenti, evitando di sostare in prossimità di aree alberate».

Perugia ma non solo. Dal momento che allagamenti e crollo di piante ha praticamente riguardato tutta la provincia. Situazioni molto difficili nello Spoletino, ma anche a Todi, Gubbio, Assisi e Altotevere. Sono all’incirca un centinaio gli interventi eseguiti dai vigili del fuoco, la maggior parte proprio per liberare strade ed edifici da alberi crollati, con tanti altri messi in lista d’attesa.