FOCUS CASA | Cucinare mentre si chiacchiera, si studia o si legge. E per chi vuole cambiare look ci sono gli ecobonus

Sarà il successo dei talent show culinari, alla Masterchef o Bake Off, ma da qualche anno la cucina da focolare domestico è diventata il focus della casa. Il suo centro, il suo cuore.
E se una volta era il centro della vita di nonne e mamme, quasi un antro nascosto e magico da cui uscivano tutti i nostri piatti preferiti, adesso è uno spazio da vivere dalla colazione fino alla cena. Ma non solo per mangiare e cucinare.

Uno spazio sempre più votato all’estetica perché sempre più spesso a vista, cuore pulsante di tutta la casa. Che non è più necessario nascondere ma che anzi diventa la scusa – accanto al living – per una nuova convivialità. Così se dalla parte dei fornelli c’è chi cucina, su penisole e cosiddetti angoli snack si può studiare, leggere e chiacchierare.

Così la cucina diventa importante e più curata anche di un soggiorno, tra elettrodomestici a scomparsa o addirittura da far risaltare come pezzi unici e particolari. E magari con uno sguardo all’ambiente, scegliendo i modelli più ecologici. E per chi ha intenzione di rivoluzionare la propria cucina anche quest’anno ci sono gli incentivi del Bonus Casa, con detrazioni sugli interventi di ristrutturazione che vanno dal 36 al 65 per cento. Non solo per gli elettromestici green, ma anche per l’acquisto di mobili, cucina compresa.

Per giocare tra penisole, cassettoni (fondamentali le nuove soluzioni per la raccolta differenziata), scaffali da arredare con gusto ma anche in base alla funzionalità. Perché la cucina, luogo in cui in effetti si passa la maggior parte della giornata in casa, diventi uno spazio da vivere e godere.