Tutti pazzi per le bici elettriche, tra salute e rispetto dell’ambiente. E risparmio

Perché comprare una bicicletta elettrica? Non saranno solo la salute e l’ambiente a ringraziarti, ma probabilmente anche il tuo stile di vita. Non perché non sia uno sforzo guidarle (non sono motorini come pensa qualcuno…), ma probabilmente anche perché – se le distanze chiaramente non sono davvero significative – andare al lavoro in e-bike fa guadagnare tempo e azzera il nervosismo da ricerca di parcheggio.

La bicicletta elettrica ha infatti diversi vantaggi e anche il costo (a partire dai duemila euro per un modello buono e affidabile) si può ammortizzare facilmente visto che si risparmia sul carburante dell’auto ma anche sui prezzi degli abbonamenti del trasporto pubblico. L’importante è essere consapevoli che la fatica per pedalare è una certezza, visto che la pedalata è sì assistita ma il motore elettrico non si sostituisce né elimina lo sforzo. È possibile arrivare fino a 25 chilometri orari (la media nel traffico – con l’auto – è di 12 km/h) e il motore certamente aiuta contro il vento, gran nemico dei ciclisti.

L’e-bike chiaramente aiuta anche a restare in forma, che non fa mai male… Superato il costo, quindi, i vantaggi sono numerosi, a partire dal rispetto dell’ambiente. Andare e tornare dal lavoro in bici elettrica è un’attività praticamente a emissioni zero: niente carburante, niente smog, meno traffico. La ricarica poi costa solo qualche centesimo di euro in bolletta, un aiuto anche per il bilancio familiare.