Risoluzione unanime per chiedere «lo stralcio della norma che modifica il potere dei Governatori nella ricostruzione, attribuendo loro solo un potere consultivo»

UMBRIA – La presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, Donatella Porzi, commenta positivamente la risoluzione approvata all’unanimità dalla Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative che chiede lo «stralcio della norma che modifica il potere dei Governatori nella ricostruzione, attribuendo loro solo un potere consultivo”. Per Porzi “l’unica strada è mantenere l’attuale disposizione che prevede l’intesa preventiva con i presidenti di Regione». «Un gesto di attenzione, che va al di là degli schieramenti politici perché su certi argomenti le strumentalizzazioni non hanno senso e risultano pericolose e dannose». Così, Donatella Porzi, impegnata a Reggio Calabria nella riunione della Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative.

«Abbiamo chiesto che venga mantenuta l’attuale disposizione – spiega la presidente Porzi – che prevede l’intesa preventiva con i presidenti di Regione ai fini dell’emanazione delle ordinanze da parte del Commissario. Tale impostazione è da salvaguardare perché, come abbiamo scritto nella risoluzione, è necessario il massimo raccordo tra la programmazione della Regione e l’azione amministrativa, in considerazione del fatto che un presidente di Regione meglio conosce e rappresenta le peculiarità e le esigenze del territorio ed è quindi in grado di calibrare, sulla scorta delle stesse, gli interventi e le scelte in materia di ricostruzione post sisma».

«L’auspicio – continua la presidente Porzi – è che la norma possa essere corretta in sede di conversione definitiva, riconoscendo che il modo migliore per la gestione della ricostruzione è quella di attribuire maggior potere ai livelli istituzionali più vicini ai cittadini. Solo procedendo in questo modo – conclude – si potrà intervenire nelle singole situazioni, dove spesso la burocrazia e le regole imbrigliano una veloce ripartenza».