Dalle 17.30 con ingresso gratuito, a seguire proiezione di tutti i film vincitori. Il primo premio? Ottomila euro

PERUGIA – Dopo 11 giorni di proiezioni itineranti nei cinema di Perugia, eventi speciali, rassegne, workshop e dibattiti, la giuria ufficiale, presieduta dal cineasta Sérgio Tréfaut e composta da Federica Di Giacomo, autrice di Liberami, Premio Orizzonti a Venezia 2016; Luciano Barisone, già direttore artistico del Festival dei Popoli e di Visions du Réel; Irene Dionisio, regista e direttrice artistica del Lovers Film Festival di Torino, decreterà domenica 30 settembre, nel corso di una cerimonia al Postmodernissimo (dalle 17.30), il vincitore del PerSo 2018.

I membri della giuria dovranno decidere chi, tra gli 8 titoli in concorso (anteprime assolute italiane) si aggiudicherà il primo premio e gli 8mila euro in palio. Attesa anche per le altre categorie. Domenica infatti si premia anche il miglior film documentario italiano. Il premio, nato proprio in questa edizione del festival, che vuole puntare proprio sul cinema del reale “di casa nostra” ricompensando chi osserva il sociale con sguardo tutto italiano.

A concorrere per il montepremi di € 2.000 i 6 lavori realizzati da registi nati in Italia o residenti in Italia al momento della realizzazione del documentario e/o prodotti o coprodotti in Italia. Per l’Umbria: saranno in 4 ad attendere il verdetto del concorso (Umbria in Celluloide) dedicato al cinema made in Umbria. La competizione nata con l’obiettivo di valorizzare le produzioni della nostra regione e sostenere i talenti del cinema made in Umbria. Quattro i lavori selezionati tra i tanti documentari arrivati alla segreteria organizzativa, a dimostrazione di una certa vivacità del panorama cinematografico contemporaneo anche in Umbria. A contendersi il premio che prevede anche un riconoscimento in denaro di € 1.000 saranno: La botta grossa di Sandro Baldoni; Il monte delle formiche di Riccardo Palladino; Mon amour, mon ami di Adriano Valerio; Lezioni di cattiveria di Giancarlo Pastonchi e Pietro Zanchi.

Domenica si assegnano anche il PerSo Short Award (€1.000) – Concorso per il miglior film documentario di cortometraggio e la Giuria delle detenute assegnerà il Premio PerSo Short Jail, sempre di € 1.000, al corto ritenuto più meritorio. Dalle 19.30, al Postmodernissimo, saranno proiettati, ad ingresso gratuito, tutti i film vincitori.