Workshop, laboratori e una mostra mercato all’insegna dell’handmade: oltre 50 gli artigiani spaziali che porteranno in Umbria il loro talento e le loro produzioni. Il programma

FOLIGNO (Perugia) – L’Associazione Make con il patrocinio del Comune di Foligno ha presentato questa mattina all’interno di una conferenza stampa che si è tenuta presso la sede dell’Istituto Italiano di Design a Perugia, la quarta edizione di Week Hand il Festival del Fatto a mano, che come ogni anno si conferma un evento contenitore di idee, talenti, creazioni, sperimentazioni dedicate all’ handmade e all’artigianato di qualità che andrà in scena a Palazzo Trinci a Foligno il 22 e il 23 settembre 2018.

Ma cos’è Week Hand? Una grande piazza creativa, fertile e vivace, che vuol dare al grande pubblico la possibilità di partecipare alla nuova cultura dell’artigianato, a modelli manifatturieri più sensibili, a stili di vita più consapevoli e a comportamenti di consumo più sostenibili. L’Associazione Make con il patrocinio del Comune di Foligno per il quarto anno consecutivo, organizza il Festival con l’obiettivo di dar vita in Umbria a un grande evento di riferimento per makers e artigiani da tutta Italia.

Artigiani spaziali. Saranno oltre 50 gli artigiani che parteciperanno a Week Hand. Scelti dopo un’accurata selezione i creativi porteranno a Foligno illustrazioni, ceramiche, scarpe e borse, gioielli, saponi e molto altro. Il festival anche quest’anno ha operato una selezione in base alla rarità, alla qualità e all’originalità delle tecniche artigianali, il talento, l’estro e la creatività di artigiani, makers e designer indipendenti per portarli in Umbria facendo di Foligno “la capitale dell’handmade” per due giorni.

Ecco i nomi degli artigiani che daranno vita alla mostra mercato di prodotti artigianali: AB di Alessia Barbarossa, Abiuno, ale emozioni e sensazioni, Alisanna, Babel, Back From Rubbish, Bananamama, Bianca Flut, buh lab, Cera una Bolla, Cocai Design, Drawingfish, Effimero Creativity Lab, filotrama, Geografica, Hang Design, Hockety Pockety, Holy Food – genuino market, Ideastars, Il Sartino Naturale, Impressioni, in itinere gioielli, Insunsit / BI.unique, Isa&Isa Ceramiche di Elisa Laise, I sew so I don’t kill people, JesAntArt, K28 Sick Creativity, Kosmika, Lab75, Label-Handcrafted lab, La bottega di Barbino, Laiepi, Le Scarpe di Marta, Lieve, Lindanera, Lisa Ciccone Illustration, little things gioielli, MartaDeRenzi Creations, Midorj, MudMoiselle ceramica, MUMI design, Naïf-Oggetti poetici handmade, NUOVA LINEA Produzioni di design, Officine Gualandi, Pamphlet, Pollicenero, Portatelovunque, Roger Cavinatto, Ta Petite, Telltale Design, Usta, Wawas.

I workshop. A una settimana dall’evento sono già tutti sold out gli oltre 350 posti previsti nei 22 workshop che, come ogni anno animeranno l’edizione di Week Hand, anche quest’anno diviso per aree tematiche. Ci saranno infatti un’area kids, un’area big, alcune aree live per grandi e bambini, alle quali si potrà partecipare anche senza prenotazione e infine, grazie al coinvolgimento di CNA Umbria tre contenuti teorici dedicati a un approccio corretto dei social da parte degli artigiani, mentre grazie ad ADI Umbria un talk sul design del territorio che avrà luogo domenica 23 settembre sempre al Trinci.

I workshop per gli adulti, anche quest’anno interessantissimi e multiformi, riguarderanno il ricamo con DMC, l’arm knitting, il tricotin con Panini Tessuti, il cucito creativo grazie a The Color Soup, la serigrafia con Cosebelle Mag, la creatività con Pastiglie Leone. Per i bambini, invece, tanti momenti di manualità a cura di Flyer Tiger, Post Museo della Scienza, Favini, Morocolor, Arcadia Design e tanti operatori, del territorio e non, pronti a mettersi in gioco coi i più piccoli.

Visto il successo dello scorso anno tornano le aree live: una curata da Janome Italia che, in collaborazione con AR.CO Perugia, condurrà un workshop a ciclo continuo con la partecipazione speciale di Virginia Vittozzi, madre dei Podobis, aperto a tutti quelli che vogliano scoprire i segreti del cucito creativo; e poi ancora uno spazio curato da Officine Fratti, l’hub creativo di Perugia che si racconterà per la prima volta a Foligno. Una terza area live sarà dedicata al design e al craft a cura di ADI UMBRIA, ovvero un piccolo angolo di rigenerazione creativa in cui si potranno degustare assaggi del territorio, sfogliare riviste specializzate di settore, leggere libri e conoscere i più recenti progetti di design autoprodotto made in Umbria. E poi ancora per la prima volta in Umbria arriva Cindy – la prima merceria al mondo su roulotte nata nel 2017 grazie ad un crowdfunding sostenuto da più di 100 persone – guidata da Gloria Collucci, ovvero La merciaia ribelle. Infine ci sarà anche uno specialissimo corner dedicato al crowfunding con Ulule. Aree live di costruzione a cura di Arcadia Design e angoli di lettura “morbidissimi” con Bande à Part saranno dedicate ai bambini più piccoli che potranno dare sfogo a tutta la loro creatività.

Torna il Live drawing Domenica pomeriggio, dopo il successo dello scorso anno, torna l’appuntamento con il live drawing in collaborazione con Becoming X Art+Sound Collective, l’associazione di disegnatori e fumettisti coordinati da Daniele Pampanelli, per decorare e serigrafare “dal vivo” tantissime shopper.