Dalla scelta della location alla wedding planner ai nomi dei tavoli. Perché il vostro matrimonio sia da sogno

di Leonardo Corda Milia

Manca qualche mese al vostro matrimonio e vi sembra tanto lontano? Allora sfruttate l’entusiasmo e abbandonate l’atteggiamento del tanto-ancora-c’è-un-sacco-di-tempo. Le nozze devono essere una festa, ma se riuscite a pianificare tutto saranno ancora più belle, senza intoppi e con i rimpianti di non aver organizzato tutto come nei vostri sogni. Ecco allora una lista delle dieci cose da fare per rendere quello del Sì come il giorno più bello della vostra vita.

1) Location. Se avete in mente un posto speciale in cui dire il vostro Sì, prenotatelo per tempo. Che sia una chiesa o una sala comunale, le liste d’attesa possono essere lunghe, soprattutto in certi periodi dell’anno. Dal luogo spesso dipende la data, da cui – a cascata – dipende tutto il resto dell’organizzazione. Quindi non perdete tempo!

2) Wedding planner. Se il vostro lavoro vi risucchia buona parte della giornata e credete non bastino zie e mamme/suocere per organizzare tutto, affidate il giorno del matrimonio a un wedding planner. Esperti che sapranno indirizzarvi per dare concretezza al vostro sogno.

3) Ricevimento. Come per la location, è importante scegliere bene e per tempo il luogo in cui ospitare i vostri invitati. Cercate un posto che vi faccia sentire come desiderate e in cui siete sicuri si mangi bene: le critiche sul pranzo di nozze sono sempre le più feroci! Uguale discorso se optate per un catering: provate i menù e opzionate la struttura per tempo.

4) Abiti. Cataloghi, siti internet. Anche trasmissioni tv. Oppure i precedenti dei vostri amici. Le idee su come deve essere l’abito con cui sposarsi non vi mancheranno. Ma pensando anche al costo, soprattutto per quelli da sposa, il consiglio è di comprarli fuori stagione, per risparmiare anche qualche buon euro. E quindi, ancora una volta, per tempo!

5) Fotografo. È una scelta importante perché, al di là dei bellissimi ricordi, sarà il professionista che vi lascerà l’unica cosa “concreta” da conservare di quella giornata. Guardate i loro book, capite se preferite gli scatti in posa o qualcosa di più spontaneo e chiarite subito che tipo di lavoro vi aspettate. E poi, album digitale o caro vecchio librone con le foto stampate? C’è tanto da scegliere, arrivate con le idee chiare e poi fatevi consigliare sulle novità (video montati tipo film compresi…)

6) Partecipazioni. Stampate su carta pregiata, simpatiche e moderne, informali e digitali. Scegliete il vostro stile e mandatele presto, con la richiesta di dare conferma. Magari vi sembra brutto, ma è importante avere un’idea più precisa possibile di chi parteciperà soprattutto al ricevimento, per organizzare i tavoli, dare un numero di ospiti al ristoratore (da cui magari dipende anche il costo…) ed evitare giornate al telefono per richiamare tutti e accertarvi della loro presenza.

7) Nomi dei tavoli. Fiori, film, libri… Prima che questo aspetto diventi un’estenuante partita a nomi-cose-città, parlate con il vostro partner. Trovate un filone che racconti di voi e del vostro amore: sarà divertente!

8) Fiori. Che sia una chiesa o una sala per riti civili, un po’ di colore fa sempre atmosfera. Con la possibilità di non scegliere solo fiori recisi, ma anche piante, da affittare (c’è chi lo fa, chiedete pure) o da comprare e magari poi da mettere a dimora nel vostro giardino o per arredare il vostro balcone. Sarà bello vederle crescere di pari passo con il vostro matrimonio.

9) Musica. Ave Maria o la canzone del vostro incontro? Ogni matrimonio ha un suo stile e una sua colonna sonora. Che sia durante la cerimonia o solo durante il ricevimento, la musica è importante. Sarà anche il collante per gli ospiti dopo la torta e la fonte di divertimento dopo ore passate al tavolo a mangiare. Che sia rock, reggae o anni ’70 scegliete un gruppo o un dj che siete sicuri vi farà divertire.

10) Bomboniere. Argento, ceramica, stampe. La scelta è infinita. Il consiglio come sempre è di regalare ai vostri ospiti (magari con una confettata di gusti vari) qualcosa che racconti di voi. Con un pensiero sempre presente: è una cosa che, se ve la regalassero, voi mettereste in casa o nascondereste nel primo mobile utile?