L’archeologo che ha scoperto i segreti delle piramidi ospite per l’Isola del libro Trasimeno. A Passignano invece si legge della Badessa di Castro

PERUGIA – È tra gli archeologi più famosi, uno dei massimi esperti di egittologia nonché ex ministro egiziano per le Antichità.

Zahi Hawass, che nella sua lunga carriera ha incasellato una tale serie di scoperte di piramidi e tombe da fargli meritare il soprannome di Indiana Jones, sarà all’Isola del libro Trasimeno domenica 2 settembre per parlare de “La donna nell’Antico Egitto”. Con lui, alle 18 a Perugia, alla sala dei Notari, anche il professore Gianluca Grassigli, ordinario di archeologia classica dell’Università degli studi di Perugia, e il giornalista Rai Mino Lorusso che coordinerà l’evento.
Durante l’incontro si potranno anche ammirare i preziosi volumi in edizione numerata firmati da Zahi Hawass, che, grazie alle fotografie del fotografo Sandro Vannini e a una narrazione ricca e dettagliata, sveleranno molti aspetti della vita dei faraoni e delle loro mogli.

«Noto per il suo carisma e la capacità di raggiungere il pubblico – spiegano gli organizzatori –, Hawass per più di trent’anni ha stimolato all’attenzione verso l’archeologia e la conservazione del prezioso patrimonio dell’Egitto. Sue sono scoperte come le tombe dei costruttori delle piramidi di Giza e la Valle delle Mummie d’oro a Bahariya, delle due piramidi nei pressi della Grande piramide di Cheope a Giza, e della regina del re Teti a Saqqara. E tra le altre imprese, ha guidato la ricerca della tomba di Cleopatra e Marco Antonio nei locali di un tempio tolemaico vicino ad Alessandria. Ha arricchito la ricerca delle cosiddette ‘porte nascoste’ all’interno della Grande piramide. Inoltre, Hawass ha lanciato un nuovo scavo sotto le acque del fiume Nilo alla ricerca di obelischi e statue mancanti. Uno degli sforzi di ricerca più significativi guidati e gestiti da Hawass è consistito nell’utilizzo delle moderne tecniche forensi come la tac e l’analisi del dna per svelare i segreti delle mummie dei faraoni. Alcune delle scoperte più importanti che Hawass ha fatto attraverso queste tecniche sono l’identificazione della mummia della regina Hatshepsut, la soluzione dell’enigma dell’omicidio di Ramesse III e le indagini sulle cause di morte del Faraonr Tutankhamon. Un appuntamento, insomma, da non perdere».

Sempre nell’ambito dell’Isola del libro Trasimeno, ma questa volta nella sua sede consuetudinaria a Passignano sul Trasimeno, sabato 1 settembre si terrà un altro café letterario a cui prenderà parte l’autrice Lisa Roscioni, docente di storia moderna all’Università di Parma. Alle 17 all’hotel Kursaal, Roscini presenterà il suo saggio ‘La badessa di Castro. Storia di uno scandalo’ in un incontro coordinato da Erminia Irace dell’Università degli studi di Perugia.
«La badessa di un convento cistercense – si legge nella descrizione del libro – intreccia una relazione con il suo vescovo, e ne ha segretamente un figlio. Il fatto però viene scoperto e i due vengono processati. La storia di questo scandalo cinquecentesco, aggiustata a scopo edificante dalle cronache che l’hanno tramandata, piacque a Stendhal che ne trasse spunto per una delle sue narrazioni più famose. Basato sugli atti originali del processo, ritrovati dopo secoli, questo libro ricostruisce la vera storia del vescovo e della badessa restituendo un vivido spaccato del mondo e delle circostanze nelle quali lo scandalo maturò, e mostrandoci cosa fossero la vita claustrale e il dramma delle monacazioni forzate, così come le strategie difensive e le sofferenze di chi cercava, affannosamente, una via d’uscita da un destino già segnato».