Il festival Musica Urbis chiude con tre appuntamenti speciali ad Acquasparta e Spello: il programma

ACQUASPARTA (Terni) – Ancora pochi giorni prima che cali il sipario sull’undicesima edizione del Festival Federico Cesi Musica Urbis che fino a domenica 2 settembre continuerà a incantare la platea con la musica classica, in splendide location tra Acquasparta, Spello e Trevi.

Patrocinato dalla Diocesi Orvieto-Todi, ‘Resonate Organa: il Paradiso’, l’ultimo dei concerti liberamente ispirati alla Divina Commedia di Dante Alighieri, si svolgerà alle 21.30 venerdì 31 agosto alla Basilica di Santa Cecilia di Acquasparta: l’organista Angelo Bruzzese eseguirà brani rari di Luzzasco Luzzaschi, Vincenzo Galilei e altri compositori che nei secoli hanno trovato ispirazione nei canti dell’opera letteraria più tradotta al mondo. Sabato primo settembre si inizierà di buon mattino con il suggestivo ‘Umbria Cantat: concerto all’alba …e colazione all’umbra..’, alle 7 al Chiostro di san Girolamo di Spello che verrà aperto al pubblico per l’occasione, concerto dell’Umbria Cantat Ensemble, ensemble corale in residenza al festival diretto dai maestri Roberto Murra e Annalisa Pellegrini, con musica medievale e polifonia primitiva. Al termine del concerto una colazione salata sarà offerta a tutti i presenti dai membri dell’Azione cattolica residenti al chiostro. Sempre sabato 1 settembre, ma a Trevi, il Chiostro di san Francesco ospiterà il concerto di chiusura per Trevi ‘Umbria Cantat: Choral Night’, una maratona corale che vedrà la partecipazione di Umbria Cantat Ensemble, Ensemble Musica Antiqua diretto da Stefania Trabalza di Terni, e Schola Polifonica Romana diretta da Roberto Colavalle. Seguirà una degustazione di vini doc biologici Ponziani dell’Azienda agricola San Michele di Orvieto e di olio trevano dell’Azienda agricola Mascio di Trevi. Nei giorni di venerdì, sabato e domenica, Trevi sarà anche protagonista dei concerti di FH Giovani, tutti a ingresso gratuito, alle 12 e alle 18, rendendo omaggio all’appellativo di Musica Urbis, ossia Città della musica, che caratterizza il Festival.

La serie dei main concerts chiuderà a Spello, domenica 2 settembre, con un imponente concerto lirico-sinfonico. Alle 18.30 alla Chiesa di san Lorenzo, l’orchestra internazionale di Roma e il coro polifonico, per un totale di oltre 120 musicisti diretti dal maestro Antonio Pantaneschi, eseguiranno lo Stabat Mater di Rossini con solisti di fama internazionale: il basso Stefano Fioravanti e il tenore Francescantonio Bille, già cantori della Cappella musicale pontificia sistina, il mezzosoprano Silvia Pasini, solista del Teatro dell’Opera di Roma e Annalisa Raspagliosi, soprano che vanta tournée al fianco di Luciano Pavarotti.

Il festival tornerà per la sezione Autumn il 21 ottobre a Todi dove verrà eseguita, per la prima volta dai 300 anni della sua composizione, la sacra rappresentazione ‘Il Martirio di San Terenziano’, con musiche di Antonio Caldara su libretto del tuderte Giuseppe Piselli, poeta cesareo: una nuova e impegnativa produzione Fabrica Harmonica che farà tornare a nuova vita uno dei capolavori sconosciuti del famoso compositore barocco. Si dicono soddisfatti gli organizzatori del Festival.
«Anche quest’anno – ha sottolineato Annalisa Pellegrini, direttore artistico della manifestazione – in molti dei concerti programmati abbiamo raggiunto il sold out e positivi sono stati i commenti del pubblico che ha apprezzato la programmazione 2018». «Fondamentale – ha commentato Stefano Palamidessi, direttore didattico del Festival – è stato anche l’apporto delle istituzioni che hanno patrocinato il Festival, tra cui la Regione Umbria, e l’accoglienza delle popolazioni di Trevi e Spello che hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione. Quest’anno sono raddoppiate le presenze per il Summer College e tutti i docenti in residenza hanno già riconfermato la presenza anche per il prossimo anno, segno di un buon lavoro di squadra di cui ha giovato anche il territorio. Alto il livello e la qualità dell’offerta che ha condotto anche gli organi di stampa nazionali specializzati per la musica classica, come Radio 3 Suite, a interessarsi della manifestazione e recensirla nelle proprie trasmissioni».
Per informazioni, prenotazioni e programma completo: www.festivalfedericocesi.com.