Perugia, la polizia arriva a Fontivegge dopo una richiesta di aiuto. Che finisce con una multa

PERUGIA – Attimi di apprensione a Fontivegge nella notte tra domenica e lunedì per la richiesta di aiuto di un uomo convinto che un suo amico fosse stato ucciso in casa.

La chiamata al 113 è arrivata da un automobilista che, transitando a Fontivegge, è stato fermato da un sudamericano che chiedeva aiuto per un suo amico, ucciso all’interno di un appartamento ubicato in zona. Arrivati immediatamente sul posto, i poliziotti della Volante hanno rintracciato la persona che aveva allertato i soccorsi e si sono fatti accompagnare nell’abitazione segnalata.
All’interno hanno trovato un cittadino peruviano 51enne – vivo e vegeto – sorpreso dalla presenza dei poliziotti e dalla richiesta di aiuto dell’amico, identificato per un 60enne ecuadoriano residente a Perugia e in evidente stato di alterazione psico-fisica dovuta ad abuso di alcol. Il sessantenne è stato quindi denunciato per procurato allarme e sanzionato per ubriachezza molesta.