Gastronomia, musica ed esibizioni: tutto pronto per la manifestazione nel borgo di Magione

MAGIONE (Perugia) – Da 32 anni, nell’antico borgo magionese di San Savino va in scena la ormai famosa Sagra del gambero e del pesce del lago Trasimeno in cui si incontrano arte, spettacolo, cucina e cultura.

Anche in questa estate, da venerdì 17 a domenica 26 agosto, nell’area circostante la sede della Proloco San Savino, in via della Libertà 1, o sul tetto panoramico della struttura, si potranno degustare le tante specialità di lago in menù, oltre ad alcuni piatti della tradizione culinaria umbra: dai taglierini al gambero alla classica torta al testo, dagli umbricelli al persico e alle uova di regina agli gnocchi al sugo d’oca, dagli spiedini di persico agli gnocchetti alla tinca affumicata, solo per citarne alcuni. Lo stand gastronomico aprirà alle 19.30, ma si può ordinare online, direttamente nel sito degli organizzatori, all’indirizzo web ordina.prolocosansavino.it.
Piatti della sagra 1
Grazie alla collaborazione con Regusto – Buono fino in fondo, saranno disponibili degli appositi contenitori compostabili, le Regusto bag, per recuperare e riportare il cibo non consumato o consentire l’asporto delle specialità locali.
Ogni sera, poi, si balla con le orchestre in piazzetta e, per i più giovani, sono in programma concerti dal vivo e dj set per tutti i gusti, all’interno del castello o al Green night pub, con generi che spazieranno dal jazz al folk, dal pop al rock, dal reggae alla dance.

Nel primo fine settimana, sabato 18 e domenica 19, per le vie del borgo artisti si esibiranno in estemporanee di pittura, mentre mercoledì 22 agosto, alle 19.30, i disegnatori di Art+Sound collective Becoming X decoreranno una tipica barca del lago Trasimeno.

«Il sole d’agosto che scende dietro Isola Polvese – ricorda il sindaco di Magione Giacomo Chiodini –; la cucina di ricette tradizionali, con piatti talvolta scomparsi anche nei menù dei migliori ristoranti del territorio; la festosa accoglienza della gente del paese, sempre gentile e sorridente; la passeggiata verso il castello e la sua particolare torre triangolare affacciati sul canneto dell’oasi La Valle; il divertimento musicale per tutti i gusti. C’è tutto questo e molto di più dietro a una delle più apprezzate sagre del Trasimeno; c’è soprattutto la piccola comunità di San Savino, unita nella consapevolezza dell’entusiasmo che sanno generare i luoghi e i sapori di uno dei paesi più caratteristici dell’Umbria». «Il nostro – sottolinea il presidente della Proloco Maurizio Orsini – è un evento che ha saputo nel tempo farsi conoscere e apprezzare in tutto il territorio regionale e non solo per la qualità della proposta culinaria, basata sulla promozione e la valorizzazione dei prodotti locali, sapientemente reinterpretati nel solco della tradizione, ma anche per la ricchezza e varietà nell’offerta di intrattenimento, cultura e spettacoli. Il tutto esaltato da una location carica di storia e dal fascino straordinario dei tramonti sul lago Trasimeno».