POLE POLITIK di MARCO BRUNACCI | Brutto guaio a Palazzomurenatown. Il delegato per la sanità del rettore Moriconi lo saluta e apre una nuova breccia. Oliviero ed Elisei con Cotana al seguito tirano dritto. Ma la gara ora non ha più regole

di Marco Brunacci

PERUGIA – Brutto guaio a Palazzomurenatown. E’ partito il palio senza che il mossiere neanche aveva preso il drappo, tutti in corso senza fare la griglia di partenza. Risultato: i più rapidi sono già ben messi in pista, mentre nelle retrovie succede di tutto. Ecco cos’è la corsa a rettore dell’Università di Perugia. L’ultima voce è poco meno che clamorosa: Francesco Puma, l’ottimo chirurgo toracico che è a suo agio con la politica sanitaria come un cuoco vegano con una bistecca al sangue, avrebbe mollato il rettore Moriconi (che sta stabilendo il record mondiale di abbandoni) per seguire in una avventura che non si sa come e quanto durerà e se porterà a una candidatura ufficiale per il rettorato, l’attuale prorettore Figorilli. Moriconi di fronte all’oltraggio (presunto, per ora, solo presunto) del suo delegato per la sanità, si sentirebbe un po’ come Cesare al momento dell’”anche tu, Bruto, figlio mio”. Ma va ricordato che Moriconi e Figorilli hanno sempre ufficialmente smentito dissidi e perfino incomprensioni. Certo è che quando sono circolati i nomi del candidato rettore donna (con due ipotesi, entrambe sponsorizzate da Moriconi), Figorilli non l’aveva presa bene. E adesso è Moriconi che non avrebbe affatto intenzione di abbozzare.

Ma gli osservatori prendono atto che questo probabilmente è l’ultimo atto dell’esperienza Moriconi, i Franco-people non ci stanno più. Non aiuta tra l’altro il diffondersi di voci su sue permanenze alla guida di strutture chirurgiche veterinarie, di sicuro messe in giro ad arte solo per danneggiarlo. L’esercito che ha portato il rettore attuale al sommo soglio di palazzo Murena si è sciolto. L’8 settembre è in corso. Cercasi divisa da indossare.

Mentre il fronte moriconiano si scioglie come neve al sole, mentre Figorilli vuol evitare di finire risucchiato nell’anonimato, ecco che gli altri candidati ufficiali hanno rotto ogni indugio. Cotana ha il suo schema, ma già è pronto al patto con Elisei, raccontano i meglio informati. Se Figorilli si guarda intorno, già vede tutto occupato. Mauirizio Oliviero, che parte con la base solida degli amministrativi e un zoccolo durissimo a Medicina, si è mosso in ogni direzione. Ha preso qualche chilo per cene e apericene ma ha parlato già con mezzo mondo accademico. Tanto più che lima il suo progetti e non mostra un minimo di attenzione per chi vorrebbe dirgli che “se perde stavolta, ha chiuso”, in quanto non ha intenzione di perdere.

Proprio a Medicina le speranze di Figorilli potrebbero iniziare e finire. Puma al momento è considerato al minimo della popolarità, dopo la svolta pro Fiorucci per Gastroenterologia. Difficilmente nascerà una stella Figorilli illuminata da Puma. Semmai è questo piccolo firmamento perugino universitario che continua ad essere tormentato da tempeste stellari. Ripararsi nelle astronavi ed evitare meteoriti da qui a fine anno.