In occasione della festa, Monteleone di Spoleto propone Gusto ad alta quota. Ci sono anche musica, visite guidate e il viaggio nella fattoria per i più piccoli

MONTELEONE DI SPOLETO (Perugia) – Passeggiate a piedi e a cavallo, sport e buon mangiare. Questi gli ingredienti di Gusto ad alta quota – facciamo quadrato col gusto, la manifestazione che Monteleone di Spoleto organizza il 21 e 22 luglio in occasione della tradizionale Fiera di san Felice.

«La manifestazione – spiega il sindaco Marisa Angelini – mira a promuovere i cammini con gli sport all’aria aperta: equitazione, trekking, passeggiate urbane al parco terapeutico della croce, oltre che promuovere la buona tavola con cibo Sano&Sublime». I quattro ristoranti locali presenteranno nel loro menù un piatto speciale della tradizione che li connota e ad ogni ospite consegneranno gratuitamente “La sporta del Gusto ad alta quota“, una sacca piena di prodotti tipici locali: farro dop, ceci, lenticchie, fagioli e formaggio locale. Non mancherà la cultura teatrale ogni sera, quella musicale con un gruppo folk austriaco, la visita alle aziende produttrici di farro dop, il viaggio per i più piccoli alla fattoria degli animali. Si parlerà anche di economia circolare , cammini circolari con anche i Borghi più belli d’Italia.

Si inizia sabato 21 alle 9 al teatro “Carlo Innocenzi” con una tavola rotonda con relatori di grande prestigio, sul tema “Identità territoriale e tutela del paesaggio – Ambiente dopo la legge 168/2017”. Dopo i saluti del sindaco Angelini e del presidente del Consorzio dei possidenti, Ivo Rosati, i lavori saranno aperti da Sandro Ciani, coordinatore della associazioni agrarie dell’Umbria, che modererà la tavola rotonda.
La parola passerà quindi, nell’ordine, a Fabrizio Marinelli, docente di Diritto privato all’Università dell’Aquila; Giorgio Pagliari dell’Università di Parma; Pietro Nevi, Presidente Centro Studi sui Demani Collettivi dell’Università di Trento; Valter Giulietti dell’Università dell’Aquila; Valeria Passeri, esperta di politiche ambientali; Antonio Perinelli Commissario Usi civici per Toscana, Umbria e Lazio. Dopo il dibattito le conclusioni saranno del Presidente emerito della Corte costituzionale, Paolo Grossi.