L’autrice del libro edito da ali&no, Paola Buzzetti, venerdì ospite del Club Velico di Castiglione del Lago

CASTIGLIONE DEL LAGO (Perugia) – Paola Buzzetti, autrice del libro “Una ragazza in gamba”, sarà ospite del Club Velico di Castiglione del Lago insieme a Luca Donateo, campione automobilistico, venerdì 27 luglio, alle 18. L’incontro, organizzato dalla Libreria Libri Parlanti di Castiglione del lago e da ali&no editrice insieme ad associazioni, sportivi e disabili impegnati in attività sociali, fa parte di un programma di iniziative pubbliche che toccheranno tutta la regione per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni su temi importanti, come inclusione e accoglienza verso il superanto delle diversità, qualunque esse siano.

Paola è una ragazza in gamba. Anche se due gambe non le ha mai avute. Affetta dalla nascita da una raramalattia rara dalla nascita, è riuscita laddove altri avrebbero fallito, ha superato complessi interventi chirurgici e dolorosi percorsi riabilitativi, ma ha saputo trasformare il dolore e le difficoltà in speranza, costruendosi il futuro che desiderava pezzo dopo pezzo, senza mai abbandonarsi alla disperazione che la sua condizione avrebbe potuto favorire. La vita di Paola è una storia bellissima e positiva, di resilienza quotidiana, di amore per la vita e per gli altri, di quelle che ti prendono il cuore e ti spingono a fare di più, ogni giorno, senza compromessi.

Per questo, la sua storia andava raccontata. «Se mi sono salvata e oggi posso raccontare la mia vita è perché ho incontrato le persone giuste o perché tutto questo era già scritto nel mio destino? Io non ho la risposta a questi interrogativi, che pure mi pongo spesso, ma credo che il futuro ce lo costruiamo da soli giorno dopo giorno, salita dopo salita, dolore dopo dolore, un dolore che a volte ti spezza il cuore ma che va vissuto fino in fondo per avere la forza di superarlo.»

L’autrice

Paola Buzzetti, nata a Roma, vive in Umbria da molti anni. Affetta da una malattia rara alla nascita, è priva di una gamba e del rene destro, ha subito molti interventi chirurgici e altrettante riabilitazioni per correggere numerose malformazioni interne ad altri organi. Ha lavorato in una comunità di recupero per ex tossicodipendenti come volontaria e oggi ha un’occupazione stabile. Vive in una casa su una collina che guarda il lago Trasimeno con il marito, due cani, un gatto e qualche tartaruga. Ha voluto scrivere la sua esperienza di vita perché divenga uno stimolo per tutti, disabili e non, per superare le diversità, qualunque esse siano.