Tre squadre del Sasu già in viaggio per unirsi alle ricerche sull’altopiano del Cariadeghe. Altre partiranno nella notte e lunedì mattina

UMBRIA – Tre squadre del Soccorso alpino e speleologico Umbria (Sasu) sono appena partite per raggiungere l’altopiano di Cariadeghe, nel comune di Serle, a Brescia, per ricercare la ragazzina di 12 anni di cui da giovedì si sono perse le tracce. Il vicepresidente Moriconi e dieci speleologi, a bordo di tre automezzi carichi di materiale logistico e tecnico-ipogeo, forniranno appoggio e sostegno ai colleghi lombardi del Sasl, aiutandoli a esplorare gli oltre venti chilometri di grotte presenti nell’area, dove la ragazzina potrebbe aver rovato rifugio. Altre squadre partiranno dall’Umbria nella notte e lunedì mattina. Nel campo base sono presenti da giorni più di 250 soccorritori, provenienti da varie regioni e dotati anche di droni. «Le ricerche – fanno sapere dal Sasu – sono incessanti».