Perugia, diagnosi più veloci e cure più mirate a Ematologia: il dono di CariPg

Venerdì la sottoscrizione dell’atto da parte del presidente della Fondazione, Giampiero Bianconi, e del diggì dell’Azienda ospedaliera

PERUGIA – Servirà per realizzare importanti progressi sia in termini di velocità che di qualità della diagnostica, così da favorire le attività e le strategie terapeutiche. È la nuova apparecchiatura biomedicale Ultracentrifuga donata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia all’Azienda Ospedaliera di Perugia che verrà installata presso la Struttura complessa di Ematologia e Trapianto midollo osseo situato al Creo, il Centro di Ricerche Emato-Oncologico del Presidio ospedaliero Santa Maria della Misericordia di Perugia, eccellenza a livello tecnologico e di ricerca per la sanità italiana. L’atto di donazione è stato siglato questa mattina dal Presidente della Fondazione Giampiero Bianconi e dal Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia Emilio Duca.

Lo strumento, una Ultracentrifuga da pavimento “Beckam” del valore di 100.000 euro, possiede caratteristiche tecniche che lo rendono particolarmente adatto studio delle vie del segnale intracellulare ed identificazione di nuovi partner molecolari di NPM1, il gene più comune coinvolto nello sviluppo della leucemia mieloide acuta, da utilizzare come bersagli diagnostici e terapeutici. Inoltre, per quanto riguarda la caratterizzazione funzionale e molecolare della cellula staminale leucemica, l’utilizzo della ultracentrifuga consente di poter concentrare maggiormente il preparato virale in tempi estremamente ridotti (2 ore) rispetto a quelli necessari con normali centrifughe da banco (16 ore).

La Ultracentrifuga si inserisce pienamente nel programma di medicina traslazionale dell’Istituto di Ematologia, che ha già contribuito in maniera determinante alla scoperta di nuove lesioni genetiche come la leucemia acuta mieloide e leucemia a cellule capellute mediante l’utilizzo di nuove metodiche di proteomica e di genetica molecolare applicate alla ricerca sui tumori ematologici.

«Come Fondazione – ha detto il Presidente Giampiero Bianconi nel sottoscrivere l’Atto – abbiamo sempre prestato una particolare attenzione all’innovazione volta all’accrescimento dei livelli di eccellenza delle strutture sanitarie del territorio, che hanno importanti ripercussioni sulle cure dei pazienti. Dotare di questo ulteriore macchinario un centro come il Creo, conosciutissimo in tutto il mondo e diretto da un ricercatore di fama internazionale come il prof. Brunangelo Falini, significa offrire un ulteriore contributo allo sviluppo di realtà sanitarie all’avanguardia in Umbria, a vantaggio della popolazione regionale ma anche come polo di attrazione a livello nazionale».