Perugia, colpo in banca con il taglierino: scattano le manette

Arresto da parte della polizia. Repertorio
Arresto da parte della polizia. Repertorio

Il bottino: 7mila euro. Rintracciati e arrestati in Toscana

PERUGIA – A gennaio sono entrati in una banca di Perugia, in via Soriano, e minacciando con un taglierino un cassiere e un cliente dell’istituto di credito si sono fatti consegnare tutto il contante che hanno potuto: 7mila euro, con cui all’inizio sono riusciti a fuggire e a far perdere le proprie tracce.

Per pochi mesi, se le accuse mosse nei confronti di un 38enne italiano e di un 29enne francese saranno confermate: per la polizia che lunedì li ha rintracciati e arrestati a Prato sarebbero loro, infatti, i responsabili del colpo. A stringere il cerchio intorno ai due uomini, già gravati da precedenti specifici e noti alle forze dell’ordine per altri reati contro il patrimonio, sarebbero i racconti di alcuni testimoni e i filmati delle telecamere di videosorveglianza oltre, riferiscono dalla questure, ad alcune tracce presenti sulla scena del crimine. Entrambi sono ora rinchiusi a Firenze, in esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare in carcere per concorso in rapina aggravata dall’uso delle armi.