Anche il sindaco Rinaldi al compleanno della centenaria, tra panini, film, foto e tanti ricordi

MONTONE (Perugia) – Cento candeline da spegnere tra rose e fuochi di artificio. Grande è stata la festa, alle porte di Montone, per festeggiare infatti i cento anni di Miranda Reali. Una lunga storia iniziata il 14 luglio 1918.

Per celebrare la speciale ricorrenza in tanti sono arrivati per salutare la festeggiata e forse anche per rivedersi, per ricordare il passato e rivivere sprazzi di gioventù. I ricordi sono stati tanti e i più giovani hanno ascoltato, incuriositi, gli anziani che parlavano dei vecchi tempi. Le vecchie foto di allora, ingiallite, ma ancora vive, hanno stuzzicato la memoria di quanti cercavano di ricordare. Le fotografie allora si scattavano solo in particolari occasioni, ognuna doveva riempirsi della memoria dei luoghi e delle emozioni di quel momento e, a giudicare dall’attenzione con cui sono state rivisitate, hanno assolto appieno il loro compito.
A nonna Miranda sono state regalate 100 rose rosse da parte di tutta la comunità montonese, rappresentata dal sindaco Mirco Rinaldi, accompagnato dagli assessori Roberta Rosini e Roberto Persico, che ha voluto essere presente come a rinsaldare quel vincolo di solidarietà e amicizia che solo chi ha vissuto la quotidianità della vita nei vicoli di paese conosce. «Questi sono insegnamenti e valori degni di essere tramandati – ha detto Rinaldi – soprattutto oggi dove il tempo per gli altri è sempre più risicato».
Tra un panino e l’altro c’è stata la proiezione di un film con la nonna Miranda e i vari nipoti e pronipoti. Lei sempre sorridente, serena e gioiosa nell’abbracciare l’ultimo nato. Il suo guardare è come un inno alla vita.
È stata dura spegnere le candeline della torta , ma alla fine nonna Miranda ce l’ha fatta e il canto del locale coro ha spazzato via la stanchezza regalando sorrisi. A tarda sera i colori e il frastuono dei fuochi d’artificio hanno salutato tutti gli amici presenti.