L’interrogazione del consigliere regionale Pd Andrea Smacchi alla giunta. «Misure fondamentali per l’occupazione»

(riceviamo e pubblichiamo)
di Acs Umbria

PERUGIA – «Per misure come Garanzia Giovani, il Pacchetto Adulti e i Tirocini Formativi sono pronti oltre 11 milioni di euro. È importante conoscere però, dalla Giunta regionale, i tempi per la riattivazione di queste importanti e attese misure, fondamentali per sostenere l’occupazione nella nostra regione».

Così il consigliere regionale Andrea Smacchi (Pd) che in proposito annuncia la presentazione di una interrogazione nella quale evidenzia come «lo scorso 4 luglio sono state riattivate le attività di ammissibilità e valutazione delle proposte di tirocinio sia per il Pacchetto Giovani che per il Pacchetto Adulti ed è stato approvato l’Avviso pubblico per la presentazione di azioni integrate in favore di giovani fino a 18 anni per annualità 2018-2019».

«Il programma di Garanzia Giovani – spiega Smacchi – prevede programmi, iniziative, servizi informativi, percorsi personalizzati ed incentivi all’assunzione sia per i giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni tramite il pacchetto giovani sia per gli over 30 tramite il pacchetto Adulti».
«Il programma biennale Garanzia-Giovani 2016-2018 – ricorda – è stato rifinanziato lo scorso settembre e la Regione, nell’ambito delle politiche attive del lavoro, ha destinato per il pacchetto ‘Giovani’ 24milioni e oltre 16milioni per il pacchetto ‘Adulti’. Al programma hanno aderito oltre 20mila giovani, ma a seguito dell’esaurimento delle risorse sono stati bloccate le adesioni e non tutti gli iscritti hanno potuto svolgere il tirocinio formativo».

Smacchi ricorda anche che a seguito di una sua interrogazione sul tema, discussa lo scorso maggio, «erano stati individuati tre tipi di percorsi per chi, iscritto al programma non era riuscito ad effettuare il tirocinio per esaurimento delle risorse disponibili. I percorsi individuati (per i quali sono stati stanziati 7,5milioni) erano: orientamento, voucher informativo all’assunzione, ma anche strumenti di supporto alla creazione d’impresa».
«Ora – conclude Smacchi – è importantissima la previsione di nuove risorse e nuovi strumenti per il biennio 2018-2020, sia per l’inserimento lavorativo che per la creazione di impresa al fine di ricreare opportunità di lavoro rispondendo alle tante aspettative dei giovani».