Dettagli e modalità di partecipazione al bando

CORCIANO (Perugia) – «Mettiamo a disposizione 20 mila euro per contribuire allo sviluppo del tessuto economico comunale, puntando a sostenere le piccole imprese dei settori artigianato, industria, servizi, commercio e turismo che attuino progetti imprenditoriali di qualità, aventi caratteristiche di innovazione e di sostenibilità ambientale». Lo precisa Francesco Mangano, assessore allo sviluppo economico del Comune di Corciano (urbanistica, edilizia, lavori pubblici le altre deleghe), ufficializzando la pubblicazione del bando per la presentazione di domande di contributo a fondo perduto da parte delle piccole imprese del territorio comunale. Beneficiari, i titolari o rappresentanti legali di piccole imprese poste nel territorio comunale, iscritte alla CCIAA e risultanti “attive”.

Il contributo è concesso per finanziare l’avvio di nuove attività imprenditoriali, lo sviluppo e/o potenziamento, ristrutturazione e/o razionalizzazione di attività già esistenti, con attenzione ai progetti di investimento di qualità, innovativi e/o sostenibili dal punto di vista ambientale e all’incremento occupazionale. «Rispetto agli anni precedenti – aggiunge Mangano – abbiamo inteso premiare le imprese che si impegnano ad assumere nuove unità con contratto della durata minima di un anno. L’intento è sostenere una politica di incentivi che guarda anche all’aspetto occupazionale, con l’obiettivo di concorrere, seppure minimamente, a promuovere maggiore stabilità nel rapporto di lavoro e meno precariato». Il contributo a fondo perduto concesso dal Comune alle imprese considerate idonee non potrà superare il 50% delle spese ammissibili e documentate e comunque fino ad un massimo di 2mila euro per ognuna delle imprese ammesse a contributo secondo l’ordine della graduatoria e fino ad esaurimento dei fondi. Le domande, redatte utilizzando il modulo allegato all’Avviso Pubblico (scaricabile dal sito www.comune.corciano.pg.it) dovranno essere presentate esclusivamente attraverso le associazioni di categoria/consorzi/cooperative di garanzia entro il 31 ottobre prossimo.

«Il coinvolgimento delle Associazioni di Categoria – spiega ancora l’assessore – si lega alla convinzione che, essendo il tessuto imprenditoriale un fattore decisivo per la promozione dello sviluppo locale, il Comune debba promuovere con esse una collaborazione continuativa, consistente nella raccolta e assistenza tecnica alle imprese per la presentazione delle domande di contributo». Precedentemente alla pubblicazione del bando, infatti, il 20 luglio scorso, l’assessore, per conto del Comune, aveva sottoscritto un protocollo d’intesa con C.N.A. (Confederazione Nazionale dell’Artigianato) Umbria, Fidimpresa Umbria, Confartigianato Imprese Perugia, CO.SE.FI.R. Soc. Coop., Associazione Piccole Imprese per l’Umbria; Confcommercio Umbria Mandamento di Perugia e Comprensorio, Confesercenti, CO.RE.FI. – Cooperativa Regionale Fidi, Confindustria Umbria, APMI Umbria – Associazione Piccole e Medie Imprese dell’Umbria, Apifidi Centro Italia. Un primo Protocollo d’Intesa, dal carattere sperimentale e validità di un anno, era stato sottoscritto il 28 giugno 2011 per essere poi riproposto dal 2012 al 2017 e, anche quest’anno, per mantenere la modalità di erogazione di incentivi a fondo perduto, a fronte di investimenti effettuati per progetti di qualità.