Un infopoint turistico interamente gestito da studentesse: ad Amelia

Info point turismo. Repertorio
Info point turismo. Repertorio

«Le ragazze accompagneranno i turisti lungo percorsi da loro studiati e testati». Orari di apertura e posizione del punto informazioni

AMELIA (Terni) – Un info point interamente gestito dalle studentesse dell’Istituto tecnico per il turismo di Amelia. Riapre con questa nuova formula il punto informazioni allestito nel gazebo dei giardinetti della città. D’accordo il Comune e un tour operator locale, quello di Benedetta Lunardon. Anzi, sottolinea la sindaco Laura Pernazza, è stata proprio «la collaborazione fra ente pubblico, privati e scuola» a creare «le condizioni per dare un servizio importante ai turisti e nello stesso tempo far fare esperienza diretta sul campo a studenti e studentesse dell’istituto turistico cittadino».

Le ragazze, riferisce sempre il sindaco, saranno disponibili ad accompagnare lungo i percorsi, da loro studiati e testati, chiunque lo richiederà. All’info point sarà disponibile tutto il materiale di promozione turistica, dalle mappe della città all’ elenco delle strutture ricettive, dai calendari delle più importanti manifestazioni alle brochure informative sulla storia di Amelia. «L’obiettivo – continua – è rendere piacevole la scoperta della nostra bella Amelia millenaria dando la possibilità alle ragazze di coniugare l’amore verso il proprio territorio con il percorso studi intrapreso». Il servizio sarà operativo a giugno dalle 16 alle 19, a luglio e agosto dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19, inclusi sabato e domenica.

«In questo modo – conclude Pernazza – il gazebo riacquista la sua originaria funzione, quella cioè di essere un piunto di riferimento per i turisti in arrivo nella nostra città. Qui le giovani stagiste saranno in grado di rispondere con informazioni generali riguardanti i primari punti di interesse ed avranno un filo diretto con gli organi preposti ed autorizzati al fine di ottimizzare i tempi e le modalità di visita al Museo archeologico, al Teatro sociale, alla Torre civica, alle Cisterne romane e i palazzi aperti al pubblico».