Il Comune: «Prosegue l’opera di risanamento iniziata nel 2015». Tutte le vie interessate dai nuovi interventi

PERUGIA – Risanamento strade cittadine: un milione e mezzo anche per il 2018. Da palazzo dei Priori infatti informano come prosegua l’azione di risanamento delle strade intrapresa dall’amministrazione Romizi già nel 2015 e che – da allora – ha visto, per ciascuna annualità l’investimento sistematico di 1,5 milioni di euro all’anno.

A cui, spiegano ancora da palazzo dei Priori, si deve aggiungere una programmazione di interventi diretti del Comune, coordinata con gli interventi di ripristino (in applicazione del Regolamento scavi), di valore almeno equivalente.
«Siamo, dunque, intorno ai 3 milioni di euro – ha detto l’assessore comunale ai Lavori pubblici Francesco Calabrese – che siamo riusciti a mantenere fisso per questi quattro anni. Nel 2018, rispetto agli altri anni, siamo riusciti a partire anche prima con l’appalto, per cui contiamo di dar il via ai lavori già nel corso dell’estate, potendo così riconsegnare alla città alcune strade rinnovate già all’apertura delle scuole».
Il progetto esecutivo dei lavori, approntato dai tecnici del comune, è stato infatti, approvato mercoledì 27 giugno dalla giunta comunale e a breve saranno effettuate tutte le procedure per il bando di gara.
L’importo complessivo della gara, pari a 1 milione di euro è già previsto nel bilancio 2018 dell’ente. Di questo milione, 270mila euro si prevede di coprirli con la cessione -in cambio di opere- di un terreno edificabile (circa 2mila mc di volumetria) situato in loc. Toppo Fontanelle (già nel Pavi).
Nel dettaglio queste sono le 14 aree interessate dal bando:
Via Filzi – Madonna Alta e tratto via M.Magnini innesto nuova rotatoria
Strada degli Ornari (tratti)
Via Borgioni (tratti)
Via Pergolesi (tratti)
Strada comunale dei Loggi (tratti)
Via Cirenei – Castel del Piano 1° stralcio
Via della Pariglia e via Osteria Cipressi – S.Martino in Campo (tratti)
Via Marconi (escluso sottopasso)
Via dei Narcisi – Casaglia (tratto)
Via dei Lillà – Casaglia (tratto)
Strada P.Felcino Ponte Pattoli (Loc. Villa Pitignano)
Strada Lacugnano (tratto)
Via Ripa di Meana (anello con via XIV Settembre)
Via Ponte Vecchio – Ponte San Giovanni
I suddetti interventi, di risanamento e non di semplice manutenzione, consisteranno in fresatura e rimozione dei conglomerati esistenti, rifacimento del pacchetto stradale, costituto da binder, tappetino basaltico e segnaletica orizzontale, apposizione di membrana autotermoadesiva per il rinforzo di conglomerati bituminosi, ove necessario.
Alcuni di essi (indicati sopra) sono concepiti anche “a tratti”, a seconda dello stato di effettiva necessità e del degrado del manto stradale.

«L’eccezionale evento siberiano dello scorso febbraio – ha detto ancora Calabrese – ha ulteriormente stressato le nostre strade, quelle non rifatte negli ultimi anni e già in difficoltà. Ma l’emergenza emersa subito dopo il disgelo è stata affrontata con sistematico impegno dal Cantiere comunale, in una prima fase, con bitume a freddo, poi con più stabili interventi a caldo.”
In quell’occasione sono state utilizzate 750 tonnellate di bitume, è stato effettuato un affidamento specifico per “spianare” oltre 1.000 metri quadrati di materiale, per una spesa complessiva di 150mila euro».
«Gli scavi eseguiti per rinnovare le reti dei vari sottoservizi – ha proseguito Calabrese – hanno anch’essi messo a dura prova le nostre strade. Tutti i ripristini definitivi saranno terminati entro l’anno. In questo caso, sono stati scavati 162 km di minitrincee per la realizzazione della rete ftth cittadina, 500 i km di cavedi esistenti e 82 i km di posa aerea».
«Insomma – ha concluso l’assessore – lasciamo una città con una viabilità recuperata nella sua normalità. Restano due sfide, che stanno però andando, anch’esse a soluzione, ovvero Strada del brozzo – Via Lamburschini e Via Quintino Sella».
Sono stati, quindi, illustrati gli interventi sulle strade già eseguiti nel 2018 e quelli che partiranno a breve, compresi appunto quelli di ripristino da scavi.
I primi hanno riguardato, in particolare, Via del Commercio, Via Eugubina, Via del Giochetto, Via di Duccio, Via dell’Acacia, Via della Pescara, Via Mentana, Piazzetta Cse Bruciate e Strada Casamanza.
I prossimi interventi, da effettuare entro l’anno, interesseranno nel complesso le seguenti strade: Viale Pellini, Viale Antinori, Via Vecchi, Via degli Olivi, Strada Santa Lucia, Strada Perugia San Marco, Via Fasani, Via Tuzi, Via Settevalli, Via Chiusi, Via dei Filosofi, Via Beccaria, Via Leonardo da Vinci, Via Lombardo Radice, Via della Pallotta, Via Alfieri, Via San Tommaso d’Aquino, Via Boccaccio, Via Ariosto, Via Macchiavelli, Via Galilei, Via Piscille, Via Assisana, Via XX Settembre, Via Pellas, Via Ascanio della Corgna, Via Fonti Coperte, Via Campo di Marte, Traversa di Via Mario Angeloni, Via Gigliarelli/Via Case Bruciate/Via Severina/Via Evangelisti/Via Omicini, Via Villa Glori/Via dell’Angora, Via Fra’ Giovanni da Pian di Carpine, Via Gregorovius, Via Giovanni da Verrazzano, Via Col di Tenda, Via della Madonna Alta, Via Filzi, Via Cotani, Via Magno Magnini, Via Gallenga, Via Martiri dei Lager, Via dei Priori, Via della Stella, Via Fratti, Via degli Offici, Via Tiberi, Viale Indipendenza, Via Bonazzi, Via Marconi, Via Ripa di Meana, Via del Giochetto, Via del Favarone, Via Ponte Vecchio, Via Pieve di Campo, Via Manzoni, Via Donini, Strada dei Loggi, Strada Borobò, Via dei Trasporti, Via della Pariglia, Via dei Cipressi, Via Arezzo, Via della Tigre, Strada degli Ornari, Via Borgioni, Via Arno, Strada Ponte Felcino-Ponte Pattoli (Villa Pitignano), Via dell’Ala, Via del Ferro, Via Carucciola, Via della Ghisa, Via Negri, Via Pergolesi, Via Cirenei, Strada di Lacugnano, Strada Ponte Rio-Ponte Pattoli, Via delle Ghiande, Via Carmelo Battaglia, Via Feliziani, Traversa Strada Ponte della Pietra-San Vetturino, Via del Narcisi, Via dei Lillà, Via Cialdini.
«Siamo intervenuti ovunque – ha detto il Sindaco Romizi nel corso della presentazione – con un impegno importante e costante, seppur in un periodo di scarsità di risorse, con la cosapevolezza che le strade sono fondamentali per la qualità di una città». Romizi ha quindi sottolineato la sistematicità degli interventi sulle strade in questi quattro anni, rivendicandola come priorità dell’amministrazione, che proseguirà anche per il prossimo.
Tra le novità in cantiere, come annunciato dall’ingegner Fabio Ricci, dirigente dell’U.O. Manutenzioni e decoro urbano, l’inserimento nel SIT, il sistema informativo territoriale del comune, dello stato manutentivo delle strade dal 2015 ad oggi, per renderlo visibile a tutti, cittadini e imprese. «Che così –ha spiegato Ricci- potranno avere contezza dei lavori fatti e una maggiore trasparenza da parte dell’ente, che si va ad aggiungere al portale dei lavori pubblici che sarà online a breve».
A sottolineare il positivo metodo di lavoro messo in atto dall’amministrazione è stato anche il consigliere Otello Numerini, per il quale si è creata una proficua sinergia tra Cantiere e gli uffici che coordinano i ripristini, che ha permesso di ottenere risultati migliori e maggiore efficienza delle azioni. «Tengo a sottolineare – ha aggiunto – anche l’importante programmazione e pianificazione che è stata fatta in questi quattro anni, che nasce da un attento resoconto degli uffici decentrati sulle necessità e le priorità delle strade. Questo metodo – ha concluso Numerini – ci ha permesso di riqualificare anche i piccoli borghi del nostro territorio comunale, dove da anni non si facevano lavori».
Alla conferenza stampa ha partecipato anche l’ing. Antonio Tata dell’U.O. Mobilità e infrastrutture, che ha sottolineato la complessità del coordinamento dei ripristini, ma anche l’importanza dell’azione anche ai fini di economie di scala per l’ente.
#PerugiaPianoStrade2018 su
http://istituzionale.comune.perugia.it/articoli/piano-di-risanamento-stradale-2018