A fare luce sul caso saranno l’autopsia e le indagini della polizia

PERUGIA – Era già senza vita quando gli agenti della questura di Perugia hanno aperto la porta e lo hanno trovato, nella sua casa di Cenerete. Senza vita, e senza ancora una spiegazione certa per questa fine improvvisa.

A chiarire la causa del decesso sarà l’autopsia già disposta sul corpo dell’uomo: 58 anni, qualche pregiudizio ormai datato per reati contro il patrimonio (compiuti oltre vent’anni fa) e una lunga storia di tossicodipendenza alle spalle che lascia aperta l’ipotesi overdose, nonostante sul corpo non fossero presenti segni evidenti di iniezioni al momento del ritrovamento. Ad accentuare le tinte in “giallo” della vicenda, la totale assenza di siringhe nella casa che l’uomo, perugino, condivideva con la madre disabile. Saranno l’esame autoptico e le indagini della polizia a sciogliere i nodi del caso.