L’uomo era stato già allontanato dalla casa familiare ma ha più volte violato il divieto

CITTÀ DI CASTELLO (Perugia) – Dopo diversi episodi di percosse e maltrattamenti in famiglia, gli è stato imposto un divieto di avvicinamento. Che l’uomo ha violato finché non è stato arrestato dalla polizia.

Nel pomeriggio di qualche giorno fa, infatti, personale del commissariato di Città di Castello ha dato esecuzione a un provvedimento applicativo della misura cautelare della custodia in carcere – emessa dal gip del tribunale di Perugia – nei confronti di un cittadino tifernate di 44 anni. L’uomo era già stato destinatario della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare con divieto di avvicinamento per reiterati episodi di percosse e maltrattamenti nei confronti della famiglia. Ma le ripetute violazioni del provvedimento in questione, puntualmente accertate e tempestivamente segnalate dal personale del commissariato alla competente autorità giudiziaria, ha indotto a emettere una nuova ordinanza che ne ha disposto la sua carcerazione.
Il 44enne, rintracciato in città, è stato portato nel carcere di Capanne a Perugia.