Lotta allo spreco alimentare: le città più virtuose d’Italia? Una è umbra

Sprechi alimentari
Sprechi alimentari

Recupero di prodotti alimentari, non alimentari e farmaceutici: oggi incontro per raccontare l’esperienza del Comune

NARNI (Terni) – La lotta allo spreco alimentare e l’esperienza di Narni saranno al centro di un incontro in programma oggi, venerdì 15 giugno, in sala del Consiglio comunale per parlare di recupero di prodotti alimentari, non alimentari e farmaceutici. Saranno presenti il sindaco, Francesco de Rebotti, l’assessore comunale all’ambiente, Alfonso Morelli, la consigliere regionale Carla Casciari e il presidente della cooperativa Babele che dal 2016 gestisce il progetto “Solido – Dispense solidali”, un servizio di recupero delle eccedenze alimentari a favore delle fasce più deboli della popolazione. “Per una buona Regione” è il titolo dell’incontro che si terrà alle 17 e che presenterà anche i risultati di Regusto, l’esperienza locale che insieme a Solido ha posto Narni ai primissimi posti in Italia fra i Comuni virtuosi grazie ad un progetto innovativo per il recupero delle eccedenze a fini sociali.

«Nonostante lo spreco del cibo sia un tema attuale – spiegano il sindaco De Rebotti e l’assessore Morelli – il settore agroalimentare italiano sperpera annualmente 15 miliardi di euro: ciò comporta un enorme impatto negativo in termini sociali, ambientali ed economici. Per arginare questa tendenza sono state varate diverse iniziative, tra cui la Legge regionale n.16 del 14 novembre 2017 in Umbria. Il Comune di Narni è impegnato già da anni in attività ecologiche e a favore della collettività». Durante la conferenza sindaco e assessore, assieme al presidente della cooperativa Babele, Emanuele Costantini, illustreranno in che modo sono passati dalla teoria della legge regionale alla pratica.