Il riconoscimento del Comune ai richiedenti asilo: «Contraddistinti in lavori di pubblica utilità»

La consegna gli attestati di merito e il progetto di riapertura dell’Infopoint

GUALDO TADINO (Perugia) – Un doppio appuntamento si è svolto venerdì 15 giugno presso la Sala Consiliare del Municipio: prima la consegna degli attesti di merito ai richiedenti asilo che si sono contraddistinti nei lavori di pubblica utilità, poi la presentazione del progetto di riapertura dell’Infopoint. Presenti all’occasione il sindaco di Gualdo Tadino, Massimiliano Presciutti, l’assessore ai Servizi sociali, Emanuela Venturi, il coordinatore di Arci Solidarietà, Gianluca Graciolini, e il presidente della Pro Tadino, Luciano Meccoli.

La giornata è iniziata con la cerimonia pubblica di consegna degli attestati di partecipazione e di merito ai 32 richiedenti asilo che si sono contraddistinti per l’impegno nello svolgere volontariamente e gratuitamente lavori di pubblica utilità e nel collaborare attivamente con le squadre degli operai del Comune, i ragazzi del Sal e le associazioni del territorio, che vanno tutte ringraziate indistintamente per il prezioso lavoro svolto per la comunità di Gualdo Tadino.

«Consegniamo gli attestati a questi ragazzi – ha sottolineato Presciutti – che sono stati protagonisti, tramite delle attività svolte per la comunità di Gualdo Tadino, di un progetto di pubblica utilità. Una collaborazione attiva e un modello di integrazione da seguire anche per altre realtà. I ragazzi sono stati spesso a contatto con le strutture comunali dei servizi sociali, i ragazzi del SAL e del Servizio Civile, oltre che delle associazioni del territorio per creare un valore aggiunto alla collettività. Ringrazio indistintamente tutti coloro che stanno dando il loro prezioso contributo per la comunità gualdese. Con questo piccolo gesto tagliamo un primo traguardo che non è quello definitivo. Si tratta di un traguardo importante per noi e per la comunità, basato su un lavoro di collaborazione che continuerà anche in futuro».

A seguire poi si è svolta la conferenza stampa per la presentazione del progetto di riapertura dell’Infopoint dell’Associazione turistica Pro Tadino. Lo sportello di informazione turistica sito al piano terra del Palazzo Comunale è già attivo grazie alla collaborazione tra Comune, Pro Tadino, Arcisolidarieta’ e Servizio Civile e vede durante l’apertura la presenza di un richiedente asilo e dei ragazzi che prestano il Servizio Civile presso il Comune di Gualdo Tadino.

«Viste le difficoltà di organico della ProTadino – ha sottolineato il Presidente della Pro Tadino Luciano Meccoli – la presenza in forma volontaria e gratuito di un ragazzo richiedente asilo, nello specifico di Cofie, e dei ragazzi del Servizio Civile ha permesso all’ufficio di poter essere riaperto da qualche giorno in modo continuativo in fasce orarie definite. Cofie parla correttamente quattro lingue, oltre ad avere ottime conoscenze informatiche, e questo ci permetterà di valorizzare il servizio di infopoint per i turisti. Il nostro obiettivo è dare informazioni dettagliate a turisti e visitatori che arriveranno a Gualdo Tadino per offrirgli il miglior servizio possibile, che vada al di là delle notizie base trovate su internet».