FOTO | Mugnano street art 2018: un trionfo di moda, arte e bellezza

"La donna" di Simona Costa, opera premiata con la fascia di Miss Tela dipinta. (foto Puzzle wedding events) - ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Un successo la prima edizione. Assegnata la fascia di Miss Tela dipinta. Le opere in gara, gli artisti, le modelle: la fotogallery della serata

PERUGIA – Metti una sera d’estate; un defilé; Mugnano, «la città dei muri dipinti». Metti tutto questo. E mescola bene, come colori sulla tavolozza. Devono aver avuto qualcosa del genere in mente, organizzatori e autori di “Mugnano street art”: manifestazione che lunedì ha assegnato la prima fascia di “Miss Tela dipinta”, attribuita per la gonna più bella tra quelle dipinte da vari pittori locali, indossate per l’occasione dalle bellissime modelle di Puzzle wedding events.

In due parole: un successo. Tantissime le persone arrivate a Mugnano per assistere al defilé, voluto dalla locale pro loco – nell’ambito dei festeggiamenti di In…contriamoci a Mugnano – e curato in ogni sua parte dalla coordinatrice di Puzzle wedding events, Claudia Maggiurana, perfettamente a suo agio nelle vesti di coreografa e direttrice artistica dell’evento. I dipinti presentati (sei in tutto) sono stati realizzati usando colori per tessuto. Sul palco hanno sfilato “Il mare” di Valeria Andreani (poi eletta Miss Gioiello), “La natura” di Lello Negozio (Miss Terra), “La libertà” di Stefania Natalicchi (Miss Fuoco), “L’astratto” di Franco Susta (Miss Acqua), “Il viaggio” di Cinzia Rosini (Miss Aria) e “La donna” di Simona Costa, opera premiata, infine, con la fascia più ambita, quella di Miss Tela dipinta.

La giuria

Un risultato davvero eccellente per la Costa, anche in virtù della giuria (qualificata) chiamata a esprimersi sulle sei opere, valutate in base a: armonia dell’insieme, accostamento dei colori, originalità, qualità tecnica di realizzazione, portabilità. Insieme a Chiara Brilli, presidente della proloco di Mugnano, segretaria dell’Unoli e selezionatrice di tessuti e pellami nel campo della moda (presidente di giuria), a giudicare gli abiti sono state Francesca Romana Cimino, product manager di CityJournal (media partner dell’evento), Daniela Chiatti, costumista del gruppo teatrale Lontano, ricamatrice esperta e ideatrice della bottega artigiana, Rita Castigli, cresciuta in una famiglia in cui il culto dell’arte era pane quotidiano, traduttrice di diversi testi presentati nell’edizione “Riflessi diversi” e collaboratrice con il gruppo Aleph, e Laura Cartocci, ex indossatrice e collaboratrice di vestibilità per Luisa Spagnoli e cooproduttrice di programmi televisivi mondani e sociali per l’Umbria.

La serata

Non solo arte. A incorniciare la serata, la sfilata dei ragazzi e delle ragazze Puzzle wedding events, che hanno portato sul palco – sulle spettacolari coreografie di La Maggy style – abiti e accessori di Abbigliamento Barbanera, Circle e Giuli calzature Castel del Piano. Prima, poi e durante tanta musica e spettacolo: l’esibizione di danza classica della 14enne Lucia, il dj set di Maksim (di appena 12 anni) e l’esibizione canora di Francesca Maccarelli sulle note del duo Pala e Barbanera. Service affidato a Lightingosund. Conduzione, Marco Cruciani.  I partner dell’evento: Abbigliamento Barbanera, Circle, Giuli Calzture, Estetica Beauty Queen, Ricciolo Birikino, Le Stoffe di Paola, Cecconi e Fuso Photography, Le Fiore & Le Piante Del Maggy.

La fotogallery

36229578_2152603964755007_4011377344248807424_o.jpg