Elezioni comunali in Umbria: dove e come si vota

Urne aperte per eleggere otto sindaci e altrettanti consigli: al voto a Terni e per sette Comuni del Perugino

PERUGIA – Urne aperte fino alle 23 di domenica 10 giugno per le elezioni amministrative che in Umbria riguardano otto Comuni, Terni e sette nel Perugino, per il rinnovo di sindaci e relativi consigli comunali.

Al voto i residenti di Cannara, Corciano, Monte Santa Maria Tiberina, Passignano sul Trasimeno, Spoleto, Terni, Trevi, Umbertide. Una tornata elettorale che riguarda quasi 156mila votanti, di cui una parte (per Corciano, Spoleto, Terni e Umbertide, comuni sopra i 15mila abitanti) potrebbero essere richiamati al voto il 24 giugno per gli eventuali ballottaggi.
Per quanto riguarda le modalità di voto, la scheda è unica ma – nei comuni fino a 15mila abitanti – l’elettore può tracciare un segno solo sul candidato sindaco, solo sulla lista collegata al candidato sindaco o anche sia sul candidato sindaco che sulla lista collegata: in ogni caso il voto viene attribuito sia alla lista di candidati consiglieri che al candidato sindaco. È eletto sindaco il candidato che ottiene il maggior numero di voti.
Oltre i 15mila abitanti, invece, si può tracciare un segno solo sul candidato sindaco (attribuendo il voto solo a lui); solo su una delle liste collegate o anche sia sul candidato sindaco che su una delle liste collegate (in entrambi i casi il voto viene attribuito sia al candidato sindaco che alla lista di candidati consiglieri). In questi quattro comuni più grandi, è possibile anche esprimere il voto disgiunto, tracciando un segno sul candidato sindaco e un altro segno su una lista non collegata, con il voto che così viene attribuito sia al candidato sindaco che alla lista non collegata. Viene eletto sindaco al primo turno il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi (almeno il 50 per cento più uno): ma se nessuno raggiunge tale soglia, si torna a votare per il secondo turno di ballottaggio tra i due candidati sindaco più votati. Le preferenze si esprimono scrivendo negli appositi spazi il cognome (oppure il nome e cognome in caso di omonimia) dei candidati consiglieri comunali della lista votata.