Assisi piange padre Vincenzo Coli, «una vita al servizio dell’uomo»

Fu per 17 anni Custode del Sacro convento. L’annuncio di padre Mauro Gambetti e i ricordi di Catiuscia Marini e Donatella Porzi

ASSISI (Perugia) – «Padre Vincenzo Coli è morto oggi 19 giugno alle 13.00 presso la struttura ospedaliera di Foligno».

A darne l’annuncio è stato il Custode del Sacro Convento di Assisi, padre Mauro Gambetti. «L’intera comunità francescana conventuale del Sacro Convento di Assisi – ha proseguito – rende grazie a Dio per il dono di questo fratello e a lui per il servizio fedele e appassionato alla fraternità, alla Chiesa e alla società. Padre Vincenzo è stato Custode per 17 anni dal 1981 al 1989 e dal 2001 al 2009. Accompagniamo questo momento con la preghiera sulla tomba di San Francesco».
La camera ardente sarà allestita nella Cappella delle reliquie della Basilica di San Francesco.

Una perdita, quella di padre Vincenzo Coli, per cui hanno espresso cordoglio, tra gli altri, anche la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini e la presidente dell’Assemblea legislativa Donatella Porzi.
«Vorrei esprimere il mio sincero e commosso cordoglio, e quello di tutta la giunta regionale, per la morte di padre Vincenzo Coli, straordinaria figura spirituale e profondo interprete dello spirito francescano – ha detto Marini -. Fu sotto la sua guida che il Sacro Convento visse l’inedita stagione dell’apertura delle porte della “casa di Francesco” ai politici per invitarli al dialogo ed al confronto, soprattutto sui temi della pace e dell’accoglienza. E fu sempre lui il Custode che accolse ad Assisi Papa Giovanni Paolo II per la straordinaria giornata mondiale di preghiera per la pace tra i capi di tutte le religioni del mondo. Ci lascia una testimonianza di vita che è per noi tutti un grande insegnamento ed uno sprone a non abbandonare mai l’impegno per il dialogo, il confronto e la pace. Alla grande famiglia francescana va in questo triste momento il mio affettuoso abbraccio».

«La morte di Padre Vincenzo Coli lascia un grandissimo vuoto non solo nella sua Famiglia religiosa, ma anche nel mondo civile, che lui ha sempre guardato con altissima attenzione e nel quale spesso ne è stato protagonista e testimone autentico del messaggio francescano», così la presidente Porzi. Che nell’esprimere il suo cordoglio e per evidenziare la «grandezza della sua missione», ha ricordato momenti di «straordinario significato» che hanno visto Padre Vincenzo Coli incontrare leader politici e istituzionali di tutto il mondo in quel «crocevia di pace e di confronto che era ed è ancora oggi Assisi».