Assisi, anche Frassica e Carta a “Con il Cuore nel nome di Francesco”

Nino Frassica e Marco Carta
Nino Frassica e Marco Carta

La serata benefica promossa dal Sacro convento va in diretta su Rai 1. Dal 5 giugno al 5 luglio è possibile fare donazioni al 45515

ASSISI (Perugia) – Torna “Con il Cuore nel nome di Francesco”, la campagna di solidarietà dei frati del Sacro convento di Assisi per poveri e dimenticati dal mondo. Una serata benefica che unisce musica, cultura, solidarietà e fraternità, condotta da Carlo Conti e trasmessa in diretta su Rai 1. Appuntamento martedì 19 giugno alle 20.35: sul palco ci saranno, tra gli altri, anche Nino Frassica e Marco Carta.

Ma da domani, martedì 5 giugno, e fino al 5 luglio sarà possibile effettuare donazioni con sms e chiamate da rete fissa al 45515.
«Una maratona di beneficenza – spiegano dal Sacro convento – che si rivolge a tutti gli uomini di buona volontà per aiutare e sostenere progetti a favore delle famiglie più in difficoltà in Italia, non mancheranno le missioni francescane all’estero». Il direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, padre Enzo Fortunato ha invitato «gli italiani a far battere il proprio cuore per i propri connazionali e per raggiungere un nuovo record della generosità».

Mandando sms o chiamando da rete fissa il 45515, sarà possibile aiutare questa causa: il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, Coop Voce e Tiscali. Sarà di 5 euro anche per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa TWT, Convergenze e PosteMobile e di 5/10 euro da rete fissa TIM, Wind Tre, Fastweb, Vodafone e Tiscali.

Per maggiori informazioni e per sostenere i progetti, www.conilcuore.info.
L’iniziativa benefica è promossa dal Sacro Convento di Assisi e dall’Istituto per il Credito Sportivo. Alla sua realizzazione hanno contribuito UniCredit Subito Casa, Poste Italiane, Auxilium e Fria. La produzione del programma “Con il Cuore, nel nome di Francesco” è affidata alla Rai con il patrocinio morale della Regione Umbria, della Provincia di Perugia e del Comune di Assisi.