Perugia, il Grifo per premiare gli avvocati campioni di basket e legalità

Gli avvocati premiati dal Comune
Gli avvocati premiati dal Comune

Il presidente del consiglio comunale Leonardo Varasano e l’omaggio alla squadra arrivata sul podio del Torneo nazionale forense: «Portatelo in città»

PERUGIA – Un Grifo alla squadra e quattordici Grifetti da giacca a ognuno degli atleti che ad aprile hanno portato Perugia sul podio del terzo Torneo nazionale forense di basket, che si è tenuto a Reggio Emilia lo scorso aprile, organizzato in ricordo delle vittime degli omicidi nel tribunale di Milano.

Così, lunedì pomeriggio nella sala della Vaccara, il presidente del consiglio comunale Leonardo Varasano ha premiato gli avvocati, giuristi e magistrati di Perugia arrivati secondi (sconfitti in finale da Santa Maria Capua Vetere che «però aveva in squadra ex professionisti», è stato sottolineato) in un torneo promosso per inviare un messaggio sul senso di legalità e in omaggio alle vittime di omicidi e aggressioni nei palazzi di giustizia. Un modo per ricordare il terzo anniversario della morte del giudice Fernando Ciampi e dell’avvocato Lorenzo Alberto Claris, uccisi – insieme a una terza persona – il 9 aprile 2015 da Claudio Giardiello all’interno del palazzo di giustizia di Milano, ma anche per ribadire come questi non siano fatti isolati, come dimostra purtroppo l’accoltellamento di due giudici civili – Umberto Rana e Francesca Altrui – avvenuto all’interno del tribunale civile di Perugia. Alla cerimonia ha partecipato anche il capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale Massimo Perari.

«Il vostro impegno – ha detto Varasano – va considerato anche in senso lato, come un omaggio a tutti i caduti del lavoro. E voi così avete dato lustro alla nostra città, avete portato sul podio di Reggio Emilia il nome di Perugia che oggi vi premia. Credo infatti che questa rappresentativa umbro-perugina sia riuscita a portare sul campo da basket i valori che sono propri della nostra città e del nostro territorio. Per questo abbiamo scelto di consegnarvi, a ricordo dell’impresa, il simbolo di Perugia che ci accomuna tutti, ossia il Grifo. Infatti abbiamo tutti bisogni di sentirci parte di una comunità ed il Grifo può contribuire a ricordarci che siamo parte di questa comunità».
A ricevere il Grifo simbolo della città è stato il capitano della squadra Fabrizio Spinelli, con il magistrato Paolo Micheli che ha sottolineato come «lo spirito sportivo, l’aver vissuto, vinto e perso insieme è uno dei ricordi più belli, lo porto nel cuore».
Varasano, prima di consegnare a tutti i piccoli grifetti da appuntare alla giacca, ha proposto di portare a Perugia una delle prossime edizioni: se l’anno prossimo il torneo è già organizzato in Sardegna, potrebbe arrivare a Perugia nel 2020.
A ricevere il premio (a nome anche degli assenti Franco Bettini, Federico Falfari, Francesco Narducci e Paolo Giuseppe Vadalà) oltre al capitan Spinelli e a Paolo Micheli, sono stati Gabriele Burlarelli, Carlo Cornicchia, Gabriele Fagioli, Francesco Gatti, Sergio Gherardelli, Gabriele Minelli, Marco Piazzai e Matteo Giuseppe Silvestri.