Il messaggio della governatrice ai 5mila volontari umbri

di Catiuscia Marini*
(riceviamo e pubblichiamo)

UMBRIA – In occasione della Giornata mondiale della Croce rossa e Mezzaluna rossa, che si celebra oggi, vorrei rinnovare il mio più sincero e sentito ringraziamento per la straordinaria attività di soccorso, aiuto e solidarietà in occasione dell’emergenza terremoto, che migliaia e migliaia di volontari di questa meritoria associazione hanno svolto nella nostra regione per i nostri cittadini, facendoci sentire meno soli.

Tutti noi siamo ancora oggi grati per la straordinaria generosità e professionalità con le quali i volontari della Croce Rossa Italiana ci sono stati vicini nell’emergenza post sisma del 2016. Il loro ruolo, accanto a quello di tutte le altre strutture ed associazioni pubbliche e private, è stato di fondamentale importanza in una circostanza difficile e drammatica per le popolazioni colpite. E questo non lo dimenticheremo mai. In Umbria la forte presenza della Croce Rossa Italiana, con i suoi oltre 5 mila volontari, rappresenta un presidio importantissimo al servizio del bene comune.

Un servizio che si esplica, oltre agli interventi di aiuto in caso di emergenze, anche in via ordinaria in alti settori della vita delle nostre comunità. Vorrei, infatti, ricordare anche tutte le attività istituzionali che la CRI svolge in Umbria, anche in regime di convenzione con il Servizio sanitario regionale: dai servizi di emergenza sanitaria in cooperazione con il 118, a quelli di ausilio ai cittadini sia in campo sanitario che sociale. Una attività che i volontari svolgono non solo con passione e generosità, ma anche – conclude Marini – con competenza e professionalità. Di tutto ciò dobbiamo essere grati alle donne ed agli uomini della Croce Rossa Italiana.

*Presidente Regione Umbria