Perugia, il Comitato e i contributi destinati a ricerca e famiglie. Adesso al lavoro per 20 nuovi appartamenti per i pazienti. I numeri della “festa del Ringraziamento”

CITERNA (Perugia) – Oltre un milione di euro destinati alla ricerca, alle famiglie e a nuovi macchinari, con il progetto di aggiungere altri venti appartamenti per soddisfare le richieste di accoglienza per i pazienti che arrivano da ogni parte del mondo. Questi alcuni dei risultati e degli obiettivi resi noti dal Comitato per la vita Daniele Chianelli nella tradizionale “festa di Ringraziamento”, che quest’anno si è trasferita a Pistrino. L’evento, che si svolge ogni anno, è dedicato a tutti i volontari impegnati nell’assistenza ai pazienti, nella beneficenza e nelle numerose manifestazioni.

Un esercito di centinaia di persone di ogni età che con generosità dedicano il loro tempo ai malati, bambini, ragazzi e adulti, non solo al Residence Daniele Chianelli e nei reparti di Ematologia e Oncoematologia, ma in tutta Italia con la raccolta fondi e l’organizzazione di eventi, manifestazioni, cene per il sostegno alla ricerca e l’assistenza ai malati. Ma questo è un anno speciale, ospiti del Comitato “Pro Manuel”, quest’anno i volontari hanno anche voluto festeggiare i 10 anni della nascita dell’associazione molto attiva di Pistrino, fondato dalla famiglia e dai compaesani di un bimbo che proprio quest’anno festeggia un grande traguardo: 10 anni dal trapianto a cui fu sottoposto a Perugia.

Domenica è stata anche una occasione di bilancio di un anno di attività, illustrato dal presidente del Comitato per la vita “Daniele Chianelli”, Franco Chianelli. Grazie all’aiuto di così tante persone nel 2017 sono stati investiti 875mila euro per contributi ai ricercatori del Creo (il Centro di ricerca emato-oncologico) dell’Università degli Studi di Perugia, 68mila euro per l’acquisto di macchinari e strumentazioni, 120mila per il supporto alla equipe multidisciplinare composta da psicologhe, assistente sociale, mediatori culturali, musicoterapisti, arteterapisti che insieme ai volontari, ai clown, insegnanti, assistenza religiosa, fisioterapisti e ovviamente al personale sanitario sono presenti ogni giorno nei reparti di Ematologia e Oncoematologia pediatrica per una presa in carico globale dei pazienti e dei loro familiari. Infine 153mila euro sono stati investiti per l’assistenza alle famiglie, molte delle quali ospiti del Residence Daniele Chianelli senza alcuna spesa di affitto. Proprio il Residence è al centro del prossimo grande obiettivo del Comitato: la costruzione di una nuova ala con 20 appartamenti per rispondere a tante richieste di accoglienza da parte di pazienti da ogni parte del mondo.

«Senza l’impegno di tutti voi – ha detto Franco Chianelli – non avremmo realizzato questi grandi obiettivi. E finché continueremo ad avere così tanti stimoli non ci fermeremo». I dati sono stati illustrati nel corso di una tavola rotonda a cui oltre al presidente Chianelli, hanno preso parte il professor Brunangelo Falini direttore della Struttura complessa di Ematologia, la professoressa Cristina Mecucci, responsabile del laboratorio di Citogenetica e genetica, la dottoressa Franca Falzetti responsabile del laboratorio di Differenziazione e terapie cellulari, il professor Maurizio Caniglia direttore della Struttura complessa di Oncoematologia pediatrica, il professor Andrea Velardi, direttore del Programma trapianti, il sindaco di Citerna Giuliana Falaschi e il pediatra Fabio Calabresi. La giornata si è conclusa con un grande pranzo offerto dal Comitato “Pro Manuel”.