Bastia, Caccia Village si fa in quattro

Roma-Liverpool (Foto Pomponi) - ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Non più tre ma quattro i padiglioni del centro fieristico occupati dalla manifestazione dedicata a caccia e pesca ormai prossima ad aprire i battenti. Castellani: «Un evento per tutti, non solo per gli appassionati»

BASTIA UMBRA (Perugia) – Presentata questa mattina a Palazzo Donini l’edizione 2018 di Caccia Village, la fiera della caccia, pesca, tiro a volo e outdoor che si terrà a Umbria Fiere di Bastia Umbria da venerdì 11 a domenica 13 maggio prossimi. A presentare le novità di questa edizione è stato Andrea Castellani, Presidente di Fiera Show, che ha sottolineato il salto di qualità fatto quest’anno dalla manifestazione, necessario data la sua importante crescita in termini di pubblico e la presenza di aziende di prim’ordine del settore armiero e venatorio, che ne fanno uno degli appuntamenti di riferimento nel centro Italia.

«Siamo passati da tre padiglioni a quattro – ha spiegato Castellani- e molte di più saranno quest’anno anche le attività di interesse non solo per i cacciatori e gli appassionati, ma anche per un pubblico più vasto, a cominciare dalle esibizioni del pluricampione Raniero Testa, l’esposizione cinofila, le originali esibizioni di musiche per la caccia, che ci porteranno a scoprire le tradizioni di diversi paesi europei, fino alle performance sportive di tiro a volo e di altre discipline di tiro».

Castellani ha anche tenuto a ringraziare le numerose associazioni venatorie, in collaborazione con le quali sono stati organizzati momenti di approfondimento e confronto. Hanno preso parte alla conferenza di questa mattina anche l’assessore regionale alla caccia, Fernanda Cecchini, l’assessore al turismo del Comune di Bastia Umbra Filiberto Franchi, il Presidente di Umbria Fiere Lazzaro Bogliari e Riccardo Ceccarelli, coordinatore degli eventi di Caccia Village.

«Ancora una volta siamo a presentare una manifestazione che porta un valore aggiunto in Umbria -ha detto l’assessore Cecchini- sia in termini economici che di visibilità. La nostra regione ha bisogno di manifestazioni di qualità. Caccia Village – ha aggiunto – è un’importante occasione di confronto per gli operatori e gli appassionati anche grazie ai tanti momenti di approfondimento che si svolgono nello spazio della Regione dell’Umbria ed è una manifestazione che ha un successo sempre crescente proprio perchè, nel tempo, ha saputo innovarsi».

Dello stesso avviso anche l’assessore di Bastia Umbra Filiberto Franchi, che ha definito Caccia Village un evento cult, non solo per l’Umbria ma a livello nazionale. “E’ un appuntamento importante per il territorio perchè i visitatori della fiera diventano anche turisti, visitano le nostre bellezze e utilizzano le nostre strutture ricettive.” Franchi ha anche aggiunto che per certi eventi in crescita, come Caccia Village e Agriumbria, i 20mila metri quadrati di UmbriaFiere possono risultare stretti. “Andrebbero ampliati -ha concluso- per dare modo alle fiere di potersi espandere come il loro successo richiede.”

Solo in parte d’accordo con questa affermazione si è detto il Presidente di UmbriaFiere Lazzaro Bogliari, per il quale bisogna stare comunque attenti a non fare il passo più lungo della gamba. «Il nostro centro fieristico regionale -ha precisato Bogliari- è considerato uno dei più interessanti dell’Italia centrale, con i suoi 18 eventi annuali e oltre 500mila presenze. Le dimensioni sono giuste per garantire agli organizzatori di eventi una certa economicità, crescere troppo potrebbe voler dire non essere più sostenibili. Quello che è fondamentale, piuttosto, -ha concluso- è la qualità dei contenuti e dei servizi offerti».

Infine, un excursus sui tanti appuntamenti culturali della fiera lo ha fatto Riccardo Ceccarelli, che ha spiegato: «Da tempo abbiamo fatto una riflessione sull’erogazione degli eventi di approfondimento e abbiamo scelto, già dallo scorso anno, di fare incontri tecnici, specifici su determinati argomenti e di breve durata, per far si che i visitatori possano partecipare senza rinunciare alla visita in fiera ed evidentemente abbiamo avuto ragione visto che molti degli appuntamenti in programma sono già prenotati. Altro importante passo avanti, -ha concluso- è stato l’incremento di iniziative di animazione rivolte ai cacciatori ma anche alle loro famiglie che, soprattutto la domenica, sono sempre più numerose, per rendere Caccia Village ancora più accogliente per tutti».

IMG_0761.JPG