Gli agenti bussano alla porta per procedere a una notifica, ma l’odore che proviene dall’appartamento è troppo forte per non essere notato…

PERUGIA – Gli agenti della squadra mobile avevano bussato alla sua porta per procedere a una notifica. Fin qui niente di strano. Ma quando l’uscio si è aperto ai poliziotti non è sfuggito l’intenso odore che proveniva dall’interno dell’abitazione. Odore di hashish. Che ha fatto immediatamente scattare i controlli.

Nell’appartamento di Montelaguardia dove il cittadino inglese del 1993 risiede i poliziotti hanno trovato, oltre a 3 telefoni cellulari e ad alcuni foglietti con annotate cifre e nominativi, 5 barattoli contenenti complessivamente 11,92 grammi di hashish e un panetto di 61,84 grammi della stessa sostanza. In un altro contenitore, poi, erano nascoste 182 provette e una bustina di plastica con all’interno circa 10-12mila semi di canapa di diverse specie. Sempre all’interno dell’abitazione, gli agenti hanno trovato 2.375 euro in banconote di vario taglio e un dispositivo disturbatore di frequenza in funzione al momento del controllo.

Alle domande degli agenti l’inglese ha dichiarato di essere un collezionista e di trattare via internet la compravendita di semi di canapa da collezione. Dagli accertamenti, però, sono e mersi pregiudizi per stupefacenti che al ragazzo erano già valsi un arresto nel 2015 per associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Accompagnato in questura, ora è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.