In quattromila in festa al PalaEvangelisti. Adesso c’è gara 4 a Civitanova. Il fotoracconto di Roberto Settonce

PERUGIA – Festa per quattromila al PalaEvangelisti perché i Block Devils hanno reagito da grandissima squadra e si aggiudicano gara 3 della finale scudetto. Perugia avanti 2-1 nella serie e martedì a Civitanova la grande possibilità per prendersi il tricolore.

La Sir Safety Conad Perugia è stata capace di cancellare subito la sconfitta in gara 2, in grado di unirsi nei momenti di difficoltà e di volare sfruttando le ali forti dei Sirmaniaci e di tutto il pubblico perugino. È stata una battaglia senza esclusione di colpi, fatta di grandi giocate ed ovviamente, vista l’importanza della posta in palio, nervosa, tirata, dove hanno deciso pochi palloni. Li hanno messi a terra i bianconeri questi palloni. Lo hanno fatto gettando il cuore oltre l’ostacolo, lo hanno fatto con un cuore grande così, lo hanno fatto con la tenacia che da settembre contraddistingue questo gruppo.

E il cuore dei Block Devils ha battuto forte.
Per Atanasijevic, trascinatore in campo (24 punti con 5 ace) ed autore del break decisivo nel quarto set. Per De Cecco, direttore d’orchestra con la bacchetta in mano. Per Anzani e Podrascanin, 4 muri a testa. Per Zaytsev che si esalta in ogni angolo del campo. Per Berger, chiamato in campo dal secondo set ed ancora una volta uomo in più di questa squadra. Per Colaci, che se non ci fosse bisognerebbe inventarlo. Per Bernardi che le ha azzeccate tutte anche sabato stasera, ma questa non è certo una novità.

LA GALLERY DA SFOGLIARE