Terni, domenica paura per una bimba di 2 anni portata al Santa Maria. Adesso la malattia è già in fase in remissione. Profilassi per chi le è stato accanto

TERNI – Vaccinata contro un ceppo, è stata colpita da un altro tipo di meningite. Ma è già in buone condizioni la bambina di due anni portata in ospedale per una meningite meningococcica, già in fase di remissione.

La piccola domenica 8 aprile è stata ricoverata nel reparto di Pediatria dell’ospedale Santa Maria con una sintomatologia che da circa 24 ore era caratterizzata da febbre altissima (iperpiressia), eruzione orticarioide e petecchie, e i primi esami ematici e batteriologici immediatamente effettuati hanno infatti subito confermato una meningite batterica da meningococco (neisseria meningitidis).

«La bambina è stata quindi messa in isolamento e tempestivamente sottoposta a terapia antibiotica – spiegano dall’Azienda ospedaliera di Terni -, mentre veniva contestualmente allertato il servizio territoriale di Igiene e sanità pubblica. Domenica stessa, appena ricevuta la conferma della positività colturale e dopo la dovuta notifica alla USL Umbria 2, è iniziata quindi la somministrazione della profilassi antibiotica ai familiari e agli altri presunti contatti. L’immediato trattamento antibiotico, iniziato subito dopo il prelievo per l’emocoltura, ha permesso un veloce miglioramento delle condizioni generali fino ad oggi, terza giornata di ricovero, in cui è completamente scomparsa la febbre».

La piccola, che risulta aver effettuato la vaccinazione contro il meningococco di tipo C in base al calendario vaccinale, è stata colpita da un altro ceppo di meningococco ancora in corso di tipizzazione (probabilmente il ceppo Y).