Perugia, a Pian di Massiano una giornata di sport e giochi per i malati e le loro famiglie

PERUGIA – Una giornata di sport interamente dedicata alle persone affette dalla malattia di Parkinson. Una minimaratona di 8 chilometri, una passeggiata nel verde di Pian di Massiano e una corsa in mountain bike sono state organizzate per il 25 aprile dall’Unione Parkinsoniani Perugia.

È stato individuato uno spazio anche per le attività ludiche dei ragazzi delle scuole elementari e gli amici a quattro zampe. «Il nostro obbiettivo – dice Elisa Marcaccioli, responsabile della organizzazione dell’evento, che ha presentato il programma alla direzione generale del Santa Maria della Misericordia – è quello di ribadire che l’attività sportiva, a qualsiasi età, è propedeutica per contenere i sintomi motori e non della malattia. Anche quest’anno abbiamo ricevuto più di 800 adesioni, alle discipline sportive aderiscono sia pazienti, cui è stata già diagnosticata la malattia che familiari ed amici. Chi è affetto da Parkinson non deve mai sentirsi isolato, messo da parte».

Il dg Emilio Duca ed Elisa Marcaccioli
Il dg Emilio Duca ed Elisa Marcaccioli

L’associazione che organizza la mini olimpiade sportiva, da anni collabora con la struttura complessa di Neurologia dell’Azienda ospedaliera di Perugia, rafforzando il binomio terapia farmacologica e attività fisica e di riabilitazione.
«In Italia non esistono dati epidemiologici certi sul numero di persone affette da Parkinson – sottolinea Elisa Marcaccioli – , si oscilla tra i 230mila indicati dalle linee guida ministeriali (gennaio 2015) ai 600mila malati comunicati dallo stesso Ministero della salute al Comitato italiano Associazioni Parkinson nel luglio del 2017. Nonostante queste divergenze, si stima che in Umbria i pazienti siano 5 mila, presi in carico dalle strutture sanitarie, che laddove è possibile si avvalgono della nostra collaborazione di sostegno a malati e famiglie».