Lo studio del territorio perugino fatto dal professor Alberto Grohmann. Ecco la nuova mappa

(riceviamo e pubblichiamo)
di Perugia 1416

PERUGIA – I confini dei cinque Rioni sotto la lente degli stessi rionali. Si chiariscono così per sempre, tra loro, qual è il territorio di pertinenza di ognuno, soprattutto fuori le mura. Un’esigenza sorta di conseguenza al fatto che i confini, a volte, risultano un po’ labili, a causa di questioni anche ereditarie che si sono succedute nel tempo.

Per questo, i rappresentanti dei Rioni si sono incontrati e, insieme a Rodolfo Mantovani, in rappresentanza del Direttivo di Perugia 1416, per alcune zone di confine che nel corso dei secoli sono passate da un Rione all’altro, hanno stabilito l’appartenenza attuale di ognuno. Con l’occasione sono state apportate, con decisione all’unanimità, anche alcune eccezioni. Per il contado, quindi fuori dai confini comunali, si è fatto riferimento allo studio del territorio perugino fatto dal professor Alberto Grohmann in particolare riguardo al dominio perugino del primo Quattrocento.

La divisione dei Rioni all’interno dei confini comunali, adattando le antiche divisioni all’attuale urbanistica della città, è consultabile sul sito di Perugia 1416 (“di che Rione sei”), dove sono riportate le vecchie mappe dell’Ottocento, per poter avere un riferimento preciso.

Di seguito si riportano i vari perimetri rionali secondo appunto la mappa del professor Grohmann, seguiti dai territori ammessi in via eccezionale, in seguito agli accordi.

Territori lungo il confine del Rione Porta Sole: Sant’ Egidio, Ripa, Podere le Spiagge (no podere Casanova, no Pianello), Castel d’Arno (no Valfabbrica) , La Barcaccia, Coccorano (no Giomici), Fratticiola Selvatica, Montelabate, Morleschio, Colombella, Pieve Pagliaccia, Bosco, Villa Pitignano, Ponte Felcino, Ponte Valleceppi, Pretola, Fosso del Diavolo. Ma eccezionalmente sono stati annessi anche il comune di Valfabbrica (compreso Pianello), Rancolfo, Solfagnano, Civitella Benazzone, Casa del Diavolo, Ramazzano, Ponte Pattoli.

Territori lungo il confine del Rione Porta Sant’Angelo: Pietramellina, Rancolfo, Solfagnano, Civetella Benazzone, Casa del Diavolo, Ramazzano, Ponte Pattoli, Cordigliano, Monte Bagnolo, Ponte Rio, Montegrillo, San Marco, Monte Malbe, Pieve del Vescovo, Collesanto, Antria, Caligiana, Colpiccione, Trecine, Pian di Marte, Gosperini, Lisciano Niccone. Si segue poi il confine tra Umbria e Toscana intendendo l’Umbria dentro al Rione e la Toscana fuori; si prosegue per La Mita, lo Spedalicchio, Molino Vitelli, Niccone, Romeggio, (no Umbertide) Badia, Pierantonio. Con Sant’Angelo è entra d’ufficio anche Corciano.

Territori lungo il confine del Rione Porta Santa Susanna: Vernazzano, Sanguineto, Tuoro sul Trasimeno, Badiaccia, Ferretto, I Bertoni, I Bologni, Nardelli, (no Pozzuolo), I Nonni, Vitellino, Contrada Mulino, Castiglione del lago. Il confine salta tutta la costa fino a Sant’Arcangelo, Montali, Fontignano, Mugnano, Case Lunghe, Agello, Borgo Mandoleto, San Carlo, Santa Sabina, San Sisto, Lacugnano, Gualtarella. Annessi in via esclusiva anche Panicale, Collesanto, Antria.

Il confine interno con Porta Eburnea è rappresentato da via della Madonna Alta, per cui il quartiere è suddiviso fra i due Rioni.

Territori lungo il confine del Rione Porta Eburnea: Prepo, Ponte della Pietra, Sant’Andrea delle Fratte, Strozzacapponi, Paletta, Mestigliano, Capanne, San Martino dei Colli, Pietraia, Monte Petriolo, Boschetto Vecchio, Lago di Pietrafitta, Oro, Macereto Alto, Macereto Basso, Vignaie, Greppolischieto, Migliano, Collebrano, San Fortunato, Poggio Aquilone, Compignano, Vallicella, Spina, San Biagio della Valle, Pila, Casenuove di Ponte della Pietra. Annessi Piegaro e Fontignano.

Territori lungo il confine del Rione Porta San Pietro: Montebello, Boneggio, Villa, Badiola, Villanova, Olmeto, San Valentino della collina, Sant’Elena, Cerqueto, Morcella, Marsciano, Vesca, Collepepe, Ripabianca, Casalina, Deruta, Pontenuovo, Torgiano. (no Signoria, no Colle di Bettona, no Bettona, no Passaggio di Bettona.) Dal Comune di Torgiano (il territorio comunale è tutto compreso) il confine poi comprende Brufa, e prosegue con la delimitazione dalla Via Torgianese. Aggiunti eccezionalmente Bastia Umbra e Pieve di Campo.