«La psicologia in ospedale aiuta a rendere le cure più efficaci»

David Lazzari
David Lazzari

Terni, il tema del convegno organizzato dal servizio diretto da David Lazzari. Il Centro di ascolto ha seguito oltre 400 persone in 15 mesi

TERNI – Il ruolo della psicologia in un ospedale in termini di contributo all’umanizzazione e all’efficacia delle cure. Se ne parlerà il 3 maggio (dalle 8 alle 13) nella sala conferenza della Facoltà di medicina di Terni, in via Mazzieri 3, durante il convegno organizzato dal servizio di psicologia dell’Azienda ospedaliera Santa Maria diretto da David Lazzari, a venti anni esatti dalla sua attivazione.

All’incontro, patrocinato dagli Ordini degli psicologi dell’Umbria, dei medici chirurghi e odontoiatri e delle professioni infermieristiche della provincia di Terni, sono invitati a partecipare gli operatori ospedalieri, i volontari ed i cittadini interessati.
Dopo gli interventi introduttivi del direttore generale Maurizio Dal Maso e del dottor David Lazzari, direttore del Servizio di psicologia dell’ospedale di Terni oltre che presidente dell’Ordine degli psicologi dell’Umbria, saranno presentati i temi e i dati generali dell’attività psicologica nell’Azienda ospedaliera Santa Maria e altre esperienze italiane come quella al Sant’Anna di Brescia, approfondendo alcune linee di lavoro con discussione multiprofessionale di casi clinici e protocolli. Verranno inoltre presentate le attività per il personale, il volontariato e del centro di ascolto.
«Il servizio di psicologia ospedaliera di Terni rappresenta ormai una realtà consolidata, sono vent’anni quest’anno che è stato istituito – spiega il dottor Lazzari – e per quanto mi riguarda quasi trent’anni di lavoro ospedaliero. Il nostro modello, che prevede lavoro clinico su utenti e caregiver ma anche lavoro su formazione e supporto del personale e sul clima organizzativo aziendale, customer satisfaction e accoglienza, è stato preso a riferimento in tutta Italia. Nel 2015, inoltre, abbiamo aperto il primo Centro di ascolto psicologico ad accesso diretto in un ospedale italiano, una esperienza che sta andando molto bene e di cui durante il convegno forniremo un bilancio di attività».

Dall’inizio del 2017 al primo trimestre 2018 il Centro di ascolto psicologico ha seguito 404 persone, di cui il 72 per cento donne; si tratta di persone che si sono rivolte al servizio per se stesse (78,5%) o per i propri familiari (21,3%), nel 56% dei casi la richiesta è stata motivata da una patologia non organica, in particolare per disturbi psicologici (44,3%), per gestione della patologia (40,6%), disagio psicorelazionale (12,4%) o stress da cure invasive. Nel 57,4 per cento dei casi le persone sono state inviate al servizio psicologico ospedaliero, nel 16,6 per cento ai servizi territoriali, nei restanti casi si è trattato di counseling.