Perugia, operazioni della polizia: ci sono anche tre provvedimenti di espulsione. E un crocefisso in cerca di proprietario: la foto

PERUGIA – Droga nascosta in un accendino e persino nel reggiseno: tre denunce. A cui si aggiungono tre provvedimenti di espulsioni a carico di altre tre persone.

Questi i risultati di tre operazioni della polizia, impegnata in diversi servizi di controllo del territorio.
Le prime due denunce, nei confronti di altrettanti cittadini albanesi, sono state effettuate da agenti della Volante. Il primo, di 24 anni, è stato notato in zona via dal Pozzo. Lo straniero ha attirato l’attenzione dei poliziotti poiché, alla vista della pattuglia, ha cercato di cambiare direzione e allontanarsi velocemente. Fermato e controllato, l’uomo con aria apparentemente calma ha estratto un documento di identità rilasciato da autorità albanesi. Ma, nel consegnare il documento, con gesto repentino e fugace, convinto di non essere notato, ha gettato a terra un altro involucro. Gli agenti, vista la manovra, hanno recuperato immediatamente il pacchetto che è risultato contenere 7 involucri di cocaina per 5,29 grammi. Addosso aveva anche 170 euro di cui non ha saputo spiegare la provenienza, essendo senza lavoro, più una tessera sanitaria intestata ad una cittadina italiana e risultata oggetto di furto. Accompagnato in questura, è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio e ricettazione.

Sorte simile per un suo connazionale di 25 anni rintracciato dagli agenti a bordo di una vettura – risultata poi intestata ad un pregiudicato italiano – in zona Città della Domenica. Fermato nonostante il tentativo di allontanarsi alla vista degli agenti, l’uomo è stato perquisito e il controllo esteso alla vettura. All’interno di un accendino trovato nel portaoggetti dell’auto i poliziotti rinvenivano 3 involucri contenenti cocaina per 2,33 grammi.

b
La droga e il crocifisso sequestrati

Sempre i poliziotti della squadra volante hanno invece notato quattro persone sospette in un parcheggio in zona via Palermo. I quattro, identificati per due cittadini tunisini di 28 anni, un palestinese di 36 e una cittadina romena 26enne, sono stati perquisiti. Tutti con esito negativo tranne la donna che, all’interno di una delle coppe del reggiseno, occultava un crocefisso in oro e una dose di cocaina per 0,95 grammi. Alle domande dei poliziotti circa la provenienza del prezioso, la donna non ha saputo fornire alcuna spiegazione verosimile intensificando i sospetti degli agenti circa il fatto che l’oggetto fosse verosimilmente provento di furto. Accompagnati tutti in questura, dagli accertamenti è emerso che sia i due tunisini che il palestinese avevano a proprio carico provvedimenti del Questore di Perugia di allontanamento dal territorio nazionale. All’esito delle verifiche, la cittadina romena è stata denunciata per ricettazione e e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.
Gli altri tre stranieri, presi in carico dall’Ufficio Immigrazione, sono stati denunciati per inottemperanza all’ordine del questore e colpiti da nuovo provvedimento di espulsione e sono in atto le procedure per il rimpatrio.