Che cos’è, come riconoscere e come difendersi da questo fenomeno: lo spiega bene UmbriaMeteo

UMBRIA – La parola fa sorridere i più, la prima volta che la sentono. In realtà il fenomeno – che raramente si verifica in Umbria, mentre è molto conosciuto in altre parti d’Italia – può provocare disagi e incidenti di vario tipo. Si chiama gelicidio. E il rischio che si verifichi, secondo il sito specializzato UmbriaMeteo, è e resterà concreto per tutta la giornata di giovedì.

Che cos’è. Il gelicidio in buona sostanza è «ghiaccio che si forma con la pioggia che viene a contatto con il terreno sottozero dopo alcuni giorni di temperature gelide», parole appunto di UmbriaMeteo. «In poche parole tra la mattinata ed il pomeriggio di giovedì 1° marzo l’ulteriore rialzo delle temperature in quota trasformerà la neve in pioggia», e sarà questa, congelandosi all’istante al contatto col suolo ghiacciato a originare il fenomeno. «Soprattutto in alcune aree dove negli ultimi giorni sono state raggiunte temperature particolarmente basse sia di notte che di giorno ed il terreno umido è andato ghiacciandosi», spiega ancora UmbriaMeteo.

Il rischio: «Il gelicidio probabilmente è da considerarsi il fenomeno più pericoloso perché produce ghiaccio trasparente come il vetro e difficilmente individuabile soprattutto sulle strade». Fate attenzione, dunque, che vi spostiate a piedi oppure in auto, oggi. «Entro le prime ore di venerdì 2 marzo sarà pioggia ovunque fino a quote elevate e soprattutto il terreno tenderà a riscaldarsi scongiurando definitivamente ulteriori casi di gelicidio», conclude UmbriaMeteo. «In generale, comunque, consigliamo di seguire i nostri prossimi aggiornamenti, specie nelle nostre pagine social, dove man mano aggiorneremo sul verificarsi dei fenomeni meteorologici finora descritti».