Trattoria Lea, una storia di famiglia nel cuore di Città di Castello

FOTO | Cristiano e Marco Cuccarini raccontano oltre 30 anni di impegno e passione, tra piatti della tradizione e atmosfere familiari. E ora c’è pure la gastronomia

Redazionale sponsorizzato

CITTÀ DI CASTELLO (Perugia) – Una storia di famiglia, fatta di professionalità e impegno. Una storia di imprenditoria, fatta di cuore e passione. Una storia di tradizioni che però guardano al futuro. Da oltre trent’anni.

È la storia che oggi raccontano Cristiano e Marco Cuccarini del ristorante trattoria Lea che dallo scorso autunno si sono trasferiti vicini al cuore di Città di Castello, all’inizio di corso Cavour, proprio su piazza Matteotti. «Una scelta – spiegano – che dimostra il nostro impegno a continuare la storia del locale della nostra famiglia, portandolo anche più vicino alla gente». Ma del vecchio locale sotto piazza Gabriotti, in via San Florido, hanno voluto ricostruire le atmosfere, i profumi, la storia. Ma soprattutto il clima confidenziale, intimo. Familiare.

Per ricordare gli inizi della Trattoria Lea, aperta proprio lì nel 1986 da mamma Lea e papà Antonio «che insieme decisero, continuando la tradizione della zia Isolina, di strutturare il locale come una trattoria tipica, proponendo piatti della cucina tradizionale locale con ricette della metà del secolo scorso tramandate di generazione in generazione tra sapori e profumi identificativi della nostra terra».

In quei locali si è costruita una storia di famiglia e professionale, raccogliendo e facendo crescere un bagaglio umano e professionale vocato a un senso dell’ospitalità che da sempre contraddistingue la famiglia Cuccarini. Lo stesso bagaglio che adesso ha traslocato in corso Cavour, in uno spazio sempre caldo e accogliente, ristrutturato con legno e ferro, dai colori e le atmosfere che, insieme ai profumi e le particolarità della cucina, fanno davvero sentire a casa. «Era fondamentale – commentano Cristiano e Marco – portare il nostro concetto di trattoria nel presente e proiettarlo idealmente nel futuro».

La gastronomia

Presente e futuro, Senza, però dimenticare il passato. Anzi. È cosi che i locali della vecchia sede di via San Florido non sono stati dismessi: al posto della trattoria i Cuccarini hanno creato un laboratorio di gastronomia «in cui la gente continua ad andare con la certezza di trovare in qualche modo lo stile della Lea». «Questo laboratorio – chiudono Cristiano e Marco Cuccarini – ci permette un miglior controllo sulle materie prime che vengono impiegate e lavorate, selezionate e controllate a monte in maniera rigorosa, quindi trasformate in pasta fresca e congelata (la prima su prenotazione, la seconda sempre disponibile) e prodotti di gastronomia che arricchiscono giornalmente il bancone, seguendo e rispettando la stagionalità».

—–
Trattoria Lea, corso Cavour n. 8, tel. 075.8521678
Gastronomia, via San Florido n. 38, tel. 075.8554575
Facebook: Trattoria Lea – www.trattorialea.ittrattorialea@libero.it