Olivicoltura, al “Sol d’Oro” di Verona risplende l’olio dell’Umbria

Olive, olivicoltura. Repertorio
Olive, olivicoltura. Repertorio

Al premio internazionale Sol d’Oro-Emisfero Nord vince la qualità. L’Italia conferma il suo primato con 12 medaglie, 3 vanno alla Spagna

UMBRIA – Alla Fiera di Verona record di campioni (circa 400) in gara da 9 nazioni per la 16esima edizione di Sol d’Oro dedicata agli oli dell’emisfero boreale. Presenti Italia, Spagna, Grecia, Slovenia, Libano, Marocco, Portogallo, Giappone e Cile. L’Italia conferma la sua leadership indiscussa nella produzione di oli extravergine di qualità vincendo 12 medaglie su 15 nelle cinque categorie previste, mentre la Spagna si aggiudica le altre tre. Tredici i giudici internazionali impegnati sei giorni con la modalità della degustazione alla cieca.

C’è ancora l’Umbria tra gli oli extravergine premiati: nella categoria “fruttato medio” la società agricola Malvetani di Stroncone (Terni) ha vinto il Sol d’Argento. Invece la “Gran Menzione” è stata assegnata al frantoio Giovanni Batta (Perugia) nella categoria “fruttato intenso”, nel “monovarietale” è stata assegnata al Frantoio Decimi di Passaggio di Bettona (Perugia). Agli oli premiati, Sol&Agrifood, la rassegna dell’agroalimentare di qualità in programma a Verona dal 15 al 18 aprile 2018, dedica una serie di iniziative: dalla Guida “Le Stelle del Sol d’Oro”, distribuita ai buyer internazionali e ai delegati di VeronaFiere nel mondo, alle degustazioni guidate degli oli vincitori in arrivo da tutto il mondo, oltre ai cooking-show con protagonisti gli oli con Gran Menzione, per insegnare come valorizzare i diversi oli extravergine in cucina.

La presenza dell’Umbria con gli extravergine Malvetani, Batta e Decimi conferma la qualità degli oli delle nostre colline e la serietà e professionalità dei nostri produttori, sempre ai vertici anche nelle competizioni internazionali. Il “gusto” italiano e anche umbro è sempre un “gusto” di eccellenza.