Formazione medica, inaugurata a Perugia l’Accademia di pediatria

Assisi (foto Settonce) - ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lezione d’esordio con il professore emerito di pediatria all’Università di Trieste Alessandro Ventura

PERUGIA – Una formazione attenta e di qualità per i pediatri di famiglia che intendono aggiornarsi sui temi d’attualità della pediatria generale e specialistica. È questo lo scopo che persegue l’Accademia di pediatria, nata a Perugia per iniziativa del dottor Gianluca Tuteri, fondatore dell’Istituto pediatrico Sant’Anna, e del professor emerito di pediatria all’Università di Trieste Alessandro Ventura. L’attività annuale è suddivisa in due semestri con incontri periodici aperti a 60 partecipanti per volta, in modo da favorire un’interazione tra docenti e medici coinvolti. Ogni corso, della durata di quattro ore, rilascia quattro crediti ecm (educazione continua in medicina). Gli incontri, con esperti-docenti di fama internazionale, sono ospitati nella sede dell’Istituto di formazione culturale Sant’Anna, in viale Roma 15 a Perugia.

La lezione d’esordio, venerdì 16 marzo, ha visto impegnati Gianluca Tornese, specialista in auxologia ed endocrinologia e dirigente medico della Clinica pediatrica dell’Istituto ‘Burlo Garofolo’ di Trieste, e il professor Alessandro Ventura. Nei rispettivi interventi il primo si è soffermato sul tema ‘Prima o dopo…pubertà’ mentre il secondo su ‘Pediatria, adenoidi e tonsille. Ovvero: tonsilliti senza febbre e febbre senza tonsillite…cinque casi per cinque messaggi’.

«L’accademia – ha spiegato Tuteri – era un desiderio che portavo dentro da anni. Solo nel momento in cui il professor Ventura ha deciso di aiutarmi, diventandone il responsabile scientifico, ho potuto organizzare il progetto. L’accademia si pone l’obiettivo di formare i pediatri del territorio con un programma annuale di sei incontri, uno ogni due mesi, sulle tematiche che tutti i giorni i colleghi incontrano nella propria attività in ambulatorio. Siamo sostenuti dalla rivista specializzata ‘Medico e bambino’, un punto di riferimento per pediatri e medici di base, dal Comitato olimpico italiano e dalla Croce rossa italiana che hanno riconosciuto nella nostra mission un utile riverbero sulla qualità delle prestazioni che i pediatri possono rivolgere alla popolazione».

A dare valore aggiunto a questo progetto, anche l’essere legato alla cosiddetta ‘Scuola triestina’, rinomata a livello mondiale nell’ambito pediatrico. «Per comunicare – ha aggiunto Tuteri – occorrono delle capacità didattiche che nella ‘Scuola triestina’ sono ormai consolidate tant’è che organizza corsi da oltre trent’anni frequentati da colleghi da tutta Italia. Abbiamo portato un pezzo di questa Scuola anche a Perugia. Per il primo anno infatti le lezioni saranno tenute dal gruppo di collaboratori del professore Ventura».

«Nella mia idea – ha concluso Ventura – questa avventura perugina appena iniziata vorrei che fosse come un cenacolo in cui si ritrovano amici appassionati di pediatria che hanno voglia di continuare a imparare insieme, confrontandosi. La bellezza della pediatria è che essa è la scienza dello sviluppo e della crescita e il medico è educatore e ‘mammo’. Ognuno porta sia la sua esperienza epidemiologica sia la sua esperienza di ricerca e scienza avanzata: tutto questo è la pediatria».