Finti dipendenti di una società di gas: entravano in casa e rapinavano le vittime

La banda operava a Firenze. In manette anche un uomo fermato a Perugia

PERUGIA – La tecnica era collaudata e purtroppo consolidata. I ladri prendevano di mira persone particolarmente “vulnerabili”, talvolta persino ultranovantenni; entravano in casa fingendo di essere dipendenti di una società di gas e, una volta dentro, alla prima disattenzione arraffavano soldi, gioielli o qualunque altra cosa di valore gli capitasse a tiro.

Almeno cinque i colpi messi a segno in questo modo dalla banda, cui secondo gli inquirenti apparteneva anche un 25enne albanese arrestato mercoledì in zona Fontivegge. I furti? Tutti a Firenze e nei comuni limitrofi. Tutti concentrati negli ultimi mesi. Tutti effettuati da un gruppo composto da italiani, rumeni e albanesi. Non tutti “puliti”, però, come nei piani dei malviventi. Quando una delle vittime li ha scoperti, la truffa si è trasformata in una brutale rapina: a farne le spese un 81enne fiorentino che l’albanese è un complice hanno scaraventato a terra, per poi strappargli di dosso una collana e un bracciale in oro.

Tutti in manette: come il 25enne, ora Capanne, anche gli altri componenti della banda sono finiti in carcere; rintracciati in altre zone d’Italia e raggiunti dalle medesime ordinanze di custodia cautelare.