Di Maio presenta i componenti del possibile governo pentastellato e, sorpresa: per l’umbra Giannetakis (candidata nel collegio uninominale Perugia-Trasimeno) è pronto un posto al Viminale. Il suo curriculum

PERUGIA – Campagna elettorale sottotono, a tratti noiosa, senza colpi di scena? Ci pensa il Movimento 5 stelle a sparare gli ultimi “botti” in Umbria. E lo fa consegnando – oggi – l’elenco completo dei componenti del possibile governo pentastellato. C’è anche un nome umbro nella lista presentata dal candidato premier Di Maio, quello di Paola Giannetakis: ipotetica ministro dell’Interno e reale, realissima sfidante dei big Prisco (Fdi) e Leonelli (Pd) alla Camera nel collegio uninominale Perugia-Trasimeno.

Una affatto gradita gatta da pelare (in più) per entrambi. Perché una simile investitura da parte del leader, ad appena 72 ore dall’apertura delle urne, può spostare qualche voto nel mare vasto (e per tanti versi non comprensibile, non decifrabile) degli indecisi. Della perugina Giannetakis – dichiarazioni riportate da Il Foglio – Di Maio dice: «Ha un carattere molto tosto. Posso dire che ha il carattere giusto per un ministero difficile come quello dell’Interno. Ha umanità e sensibilità ma tenendo d’occhio le priorità che sono sia la sicurezza urbana con nuovo personale delle forze dell’ordine e sia la sicurezza cyber».

Il curriculum

Paola Giannetakis è nasce il 26.11.1972 a Perugia, ed è qui che risiede. È laureata in psicologia, in criminologia e in giustizia penale e si è specializzata (tra Italia, Stati Uniti e Gran Bretagna) in scienze comportamentali applicate alle investigazioni, alla security e all’intelligence. È professore straordinario all’Università degli studi Link campus university di Roma, dove dirige due master: uno in Scientific intelligence, l’altro in Scienze criminologiche e investigazioni forensi. È membro attivo della comunità scientifica in materia di psicologia applicata e criminologia, e collabora con numerose riviste scientifiche del settore. Ha svolto incarichi di consulente tecnico in vari casi giudiziari. Coordina, infine, numerose ricerche scientifiche nell’analisi di fenomeni complessi come il terrorismo, la violenza di genere e la cyber-psychology.