Si sono rifugiati in un bar quando la polizia li ha scoperti, ma non l’hanno data a bere agli agenti…

ASSISI (Perugia) – Presi con le mani nel miele. Meglio, nel portafogli dei tanti turisti che ogni giorno visitano Assisi e che loro malgrado hanno a che fare con qualche parcheggiatore abusivo. Due di questi sono stati fermati qualche giorno fa dagli agenti del commissariato di Assisi: stavano indicando posti liberi alle auto nello spiazzo adiacente alla Porziuncola ricevendo in cambio denaro.

La cattura? È avvenute in un bar, dove i due uomini erano scappati all’arrivo della polizia. L’idea era quella di confondersi tra la gente che in quel momento stava prendendo il caffè al bancone: evidentemente gli è andata male. Portati in commissariato, dopo essere stati identificati per due nigeriani di 21 e 24 anni, sono stati entrambi denunciati in stato di libertà per rifiuto di fornire le proprie generalità e sono state avviate nei loro confronti le procedure per l’emissione del foglio di via dal territorio del Comune di Assisi. Nei loro confronti è scattata anche una multa di 2000 euro e il sequestro della somma di denaro illegalmente riscossa pari a circa 25 euro.

Sempre negli scorsi giorni, un 37enne marocchino è stato fermato da una volante intorno a mezzanotte lungo una delle strade principali di Santa Maria degli Angeli insieme ad altri tre uomini (un tunisino e due marocchini), tutti pregiudicati. L’uomo, residente a Perugia e regolarmente in Italia, con diversi precedenti per reati contro il patrimonio e assuntore abituale di sostanze stupefacenti, a novembre dello scorso anno era stato arrestato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale, per questo gli era stato fatto divieto di ritorno nel Comune di Assisi. Evidentemente inottemperante, è stato denunciato in stato di libertà per inosservanza al provvedimento dell’autorità