FOTO | Cominciati sul tratto crollato gli interventi di alleggerimento del corpo di frana e di regimazione delle acque superficiali

AREZZO – Sono iniziate venerdì mattina le operazioni di «alleggerimento del corpo di frana e di regimazione delle acque superficiali», da parte di Anas, sulla piazzola crollata nel tratto aretino della E45, proprio al confine con l’Umbria, tra le uscite di Pieve Santo Stefano (corsia nord).

Ciò che ha fatto Anas, in sostanza, è avviare (in tempi rapidi) i lavori di ripristino del corpo stradale in corrispondenza della frana. La piazzola era stata già interdetta alla circolazione in quanto il personale tecnico aveva rilevato un primo segnale di dissesto sul piano viabile esterno alla corsia di marcia. Sabato scorso, poi, il personale Anas aveva provveduto a chiudere la piazzola in modo definitivo dopo aver rilevato un peggioramento del dissesto che si è poi gradualmente aggravato nei giorni successivi. Il transito in direzione nord è attualmente consentito sulla corsia di sorpasso.