Viaggia a scrocco, insulta il controllore e alla fine blocca il treno

Denunciato per tre diverse ipotesi di reato, dovrà anche pagare una multa salatissima

FOLIGNO (Perugia) – Magari se la sarebbe cavata con una semplice sanzione amministrativa, di quelle (neppure eccessivamente onerose) che si elevano ogni giorno sui treni dimezza Italia, quando qualcuno scrocca la corsa e viene scoperto.

Lui no, ha deciso di fare en plein. Nei giorni scorsi un 35enne magrebino, residente fuori regione e già noto alle forze dell’ordine, è stato beccato a bordo del treno Foligno-Roma senza biglietto. E alla richiesta di essere identificato ha fatto spallucce, prima, rifiutandosi. Poi ha preso il capotreno a male parole. Infine, finalmente arrivato in stazione, ha impedito al convoglio di ripartire.

A identificato a quel punto ci ha pensato la polfer di Foligno, che lo ha denunciato per l’ipotesi di reato di rifiuto di fornire le proprie generalità, oltraggio a pubblico ufficiale e interruzione di un pubblico servizio. Per lui, inoltre, scatterà la sanzione amministrativa prevista dalle norme ferroviarie per aver viaggiato senza biglietto, e gli sarà pure addebitato l’eventuale costo del ritardo accumulato dal treno. En plein.